DIFESA E INTELLIGENCE/Ecco come l'Iran ha reso i suoi caccia F-14 ancora temibili

Ecco come l'Iran ha reso i suoi caccia F-14 ancora temibili

 
 

Da ormai decenni l’Iran è divenuto l’unico paese oltre agli Stati Uniti ad essere in possesso di una flotta di caccia Grumman F-14 Tomcat. Un velivolo da combattimento swing-wing carrier impreziosito da un sofisticato radar e missili aria-aria Phoenix AIM-54 a lungo raggio, Teheran è riuscita a tenere la sua flotta di F-14 in forma di combattimento, scrive The National Interest.

 

I 40 F-14 sopravvissuti all'Iran sono scesi in volo in diversi conflitti e dopo che la Marina degli Stati Uniti ha ritirato i suoi ultimi Tomcat nel 2006, rimangono gli unici Tomcat attivi rimasti al mondo.

 

Le ali a geometria variabile dell'F-14 Tomcat, che potrebbero essere ottimizzate per le manovre a bassa e alta velocità, si sono rivelate il biglietto per un successo duraturo.

 

In una chiave di funzione per l'atterraggio su ponti corti di portaerei, le ali sarebbero state spostate verso l'esterno durante il volo a bassa velocità, fornendo maggiori quantità di portanza, che era anche potenziata dalla fusoliera relativamente ampia e dai motori ad ampia distanza.

 

Una forma più aerodinamica potrebbe essere adottata spingendo le ali del Tomcat verso l'interno a velocità più elevate, creando una resistenza inferiore.

In condizioni anguste di un ponte della portaerei, le ali del velivolo potrebbero essere ulteriormente chiuse, consentendo un parcheggio più generoso per altri velivoli.

 

L'aereo da caccia nordamericano supersonico, bimotore, a due posti, a due code, a scostamento variabile, F-14 Tomcat, sviluppato per la Marina degli Stati Uniti, vanta una notevole manovrabilità ed è facile da pilotare, ha ricordato un ex pilota dell'F-14 .

 

Cinque anni prima della Rivoluzione Islamica del 1979, lo Shah Mohammad Reza Pahlavi, egli stesso un pilota, organizzò per l'Iran l'acquisizione dagli Stati Uniti di 80 Grumman F-14A Tomcats e 633 missili Hughes AIM-54 Phoenix per $ 2 miliardi, scrive il media nordamericano, diventando così l'unico altro paese a pilotare i caccia fuori dagli USA.

 

A quel tempo, gli iraniani insistevano anche sull'acquisizione dell'intero sistema di armamenti, compresi aerei, avionica, armi e infrastrutture di supporto, il che probabilmente spiega perché la flotta di F-14 di Teheran è ancora pronta al volo e al combattimento, oltre a ottenere il chilometraggio dagli aerei che invecchiano ricorrendo a domestici parti costruite o acquisite a livello internazionale, secondo The National Interest.

 

120 piloti e ufficiali di intercettazione radar nell'iraniano Imperial Air Force (IIAF) erano stati addestrati negli Stati Uniti e in Iran nel 1979, con i piloti che non avevano grosse difficoltà a padroneggiare la capacità di manovrare i grandi combattenti.

 

L'ex pilota maggiore Farhad è stato citato per ricordare la manovrabilità dell'aereo:

 

"Gli F-14 equipaggiati con il radar Doppler ad impulsi AWG-9, i piloti iraniani potevano colpire un aereo nemico da 100 miglia di distanza, ma i piloti hanno anche apprezzato le capacità di combattimento dell'aereo da vicino".

L'ex pilota aggiunge:

 

"La capacità dell'F-14A di aggirarsi durante lo scontro tra cani non ha eguali... Dopo solo 100 ore di addestramento, ho imparato a inclinare il naso del mio Tomcat a un angolo di attacco di 75 gradi in poco più di un secondo, girarsi e acquisire l'avversario con Sidewinders o la pistola”.

Il Tomcat fu ritirato dalla Marina degli Stati Uniti il ??22 settembre 2006, dopo essere stato soppiantato dal Super Hornet Boeing F / A-18E / F.

 

Dal 1981, le industrie aeronautiche iraniane sono state sottoposte a revisioni e aggiornamenti sugli F-14 nell'ambito del programma di autosufficienza militare. La flotta rimane aeronavale in gran parte a causa di enormi sforzi per mantenere un flusso di pezzi di ricambio - sia producendoli che acquistandoli all'estero, scrive il punto vendita.

 

Secondo quanto riferito, l'Iran ha anche aggiornato i Tomcat con nuovi componenti radar, radio, sistemi di navigazione e cablaggio, aggiungendo al contempo la compatibilità con i missili R-73 e Hawk.

 

Gli F-14 iraniani non hanno perso nulla della loro importanza per la difesa dello stato persiano, conclude la pubblicazione.

Fonte: Sputnik - The National Interest
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa