World Affairs/Ex Vicedirettore FMI: "evento esplosivo" potrebbe far crollare il...

Ex Vicedirettore FMI: "evento esplosivo" potrebbe far crollare il mercato del dollaro

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Zhu Min, che è stato vicedirettore generale del Fondo monetario internazionale tra il 2011 e il 2016, afferma che esiste un rischio crescente di improvvisa perdita di fiducia nel dollaro


Lo stato del dollaro USA come valuta globale dominante è a rischio di erosione a causa del crescente debito pubblico, secondo le stime di Zhu Min, che è stato vicedirettore generale dell'International Monetary Fund (FMI) tra il 2011 e il 2016 , raccolte dal South China Morning Post.

 
Di fronte alll'aspettativa che gli Stati Uniti raddoppino le misure di stimolo fiscale per mitigare le conseguenze economiche della pandemia coronavirus, e come la Federal Reserve continua il suo allentamento aggressivo della politica monetaria, v'è un rischio crescente di  improvvisa perdita di fiducia in il dollaro, afferma l'ex top executive.
 
La preoccupazione, secondo Zhu, non è se il dollaro USA registrerà "un calo cumulativo del 30% in futuro", ma se ci sarà "un evento esplosivo che causerà un'improvvisa perdita di fiducia nel dollaro USA e il crollo del suo mercato", ha spiegato.
 
Allo stesso tempo, l'analista stima che le aziende siano diventate molto più vulnerabili a livello globale rispetto alla crisi finanziaria del 2008, poiché l'ambiente a basso tasso di interesse ha notevolmente aumentato i prestiti alle imprese. In questo senso, l'esperto avverte che, sebbene la politica della Federal Reserve volta ad allentare le condizioni finanziarie sia riuscita a fermare un ulteriore declino dell'economia, ci sono società che potrebbero ancora dichiarare bancarotta mentre si adattano alla nuova situazione, in cui la ripresa delle attività coesiste con misure di allontanamento sociale.
 
In questo contesto, il rischio di crisi finanziaria "dipenderà dal fatto che una grande azienda sarà la prossima a fallire e, pertanto, comporterà un balzo del tasso di insolvenza aziendale, portando a una crisi del debito sovrano ", precisa Zhu, attualmente a capo del National Institute for Financial Research della Tsinghua University di Pechino.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa