/ Facebook: "Nessuna interferenza" russa nel voto per la Brexit

Facebook: "Nessuna interferenza" russa nel voto per la Brexit

 

Mentre il governo britannico ha costantemente accusato la Russia di interferire nel referendum nazionale del 2016 sul ritiro del Regno Unito dall'UE utilizzando account falsi sui social media, Facebook, che ha condotto molteplici indagini, ha ripetutamente sottolineato che non ha trovato prove sostanziali.


Non c'è "assolutamente nessuna prova" che la Russia abbia influenzato il voto sulla Brexit del 2016 usando Facebook, ha dichiarato Nick Clegg, vicepresidente del noto social networl alla BBC, oggi.
 
Clegg, che è stato vice primo ministro del Regno Unito dal 2010 al 2015, ha spiegato che la società ha condotto analisi dei suoi dati e non ha trovato alcun "tentativo significativo" di influenzare l'esito del referendum nazionale.
 
Allo stesso modo, ha respinto l'affermazione secondo cui la Cambridge Analytica, un'importante società di data mining, avrebbe influenzato la decisione dei britannici di votare Leave.
 
"Anche se capisco perché la gente voglia ridurre quell'eruzione della politica britannica a qualche tipo di trama o cospirazione - o qualche uso di nuovi social media attraverso mezzi opachi - temo che le radici dell'euroscetticismo britannico siano molto, molto profonde", ha spiegato.
 
In realtà, ha sostenuto che le opinioni erano state influenzate più dai "media tradizionali" negli ultimi 40 anni piuttosto che dai nuovi social media.
 
Il governo britannico ha ripetutamente accusato la Russia di interferire nel referendum del 2016 sull'adesione all'UE e diffondere "false storie" nei media per "seminare la discordia in Occidente", ma non ha fornito alcuna prova per corroborare la richiesta. Mosca ha costantemente respinto le accuse come infondate .
 
Facebook ha intrapreso diverse indagini sulle rivendicazioni e in più occasioni ha dichiarato che l'inchiesta non ha prodotto risultati sostanziali: nel dicembre 2017, la società ha dichiarato di aver trovato solo $ 0,97 di spesa pubblicitaria proveniente dalla " famigerata fabbrica di troll russi".
 
Due mesi più tardi, dopo Facebook è stato esortato a continuare la indagini , il colosso tecnologia riferì ad una commissione parlamentare britannica che ulteriori ricerche per cercare di "identificare i gruppi di coordinamento dell'attività russa attorno al referendum Brexit che non sono stati identificati in precedenza" era pure stato improduttivo .
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa