/ Gabbard, Parlamentare USA: Trump e Pence proteggono "al Qaeda e a...

Gabbard, Parlamentare USA: Trump e Pence proteggono "al Qaeda e altri gruppi jihadisti in Siria"

 

Tulsi Gabbard, Deputata del Partito democratico alla Camera dei Rappresentanti degli USA, accusa il Presidente Trump e il suo vice Pence di "proteggere al Qaeda e altri gruppi jihadisti in Siria" allo scopo di riconquistare consenso.


Lo scorso 13 settembre la Deputata delle Hawaii, Tulsi Gabbard, ha presentato alla Camera dei rappresentanti una mozione per censurare l'inquilino della Casa Bianca accusando, oltre  lui, anche il vicepresidente Mike Pence di proteggere “al-Qaeda e di altre forze jihadiste in Siria,” minacciando allo stesso tempo “ la Russia, Siria e Iran, con la forza militare se osano attaccare questi terroristi ".
"Questo" ha spiegato Gabbard, "è un tradimento al popolo americano, in particolare alle vittime dell'attacco di Al Qaeda sull'attacco dell'11 settembre e delle loro famiglie, dei primi soccorritori e dei miei fratelli e sorelle in uniforme che sono stati uccisi o feriti in azione e le loro famiglie. Per il Presidente, che è il Comandante in Capo, agire come il fratello maggiore protettivo di al-Qaeda e di altri jihadisti deve essere condannato da tutti i membri del Congresso."
 
A seguire il teso completo dell'intervista rilasciata ieri dalla deputata statunitense al giornalista James Garden del quotidiano 'The Nation".
 
James Carden: A giugno lei e il membro del Congresso repubblicano Walter Jones avete introdotto la HR 922, la Risoluzione 'Mai più guerre presidenziali', che definirebbe entrambe le guerre presidenziali non dichiarate dal Congresso ai sensi dell'articolo I, sezione 8, clausola 11 come "alti crimini e illeciti" oltre a proibire al presidente di perpetuare guerre in corso o di fornire, tra le altre cose, materiali bellici, truppe militari, intelligence militare e sostegno finanziario senza prima ricevere l'autorizzazione del Congresso.
Mentre la politica di attacco alla Siria fallisce chiaramente su basi morali, legali e consequenziali, probabilmente si ritorcerà contro basi realiste. Qual è il tuo punto di vista in termini di chi trarrebbe beneficio e chi subirebbe le conseguenze di un attacco guidato dagli Stati Uniti contro la Siria?
 
Tulsi Gabbard: A breve termine, il presidente Trump ne trarrebbe maggior beneficio. Il presidente ama essere adorato e lodato, e nonostante i suoi insulti contro di loro, in particolare brama il favore dei media. Trump ricorda molto bene che le uniche volte in cui è stato elogiato quasi universalmente dai media mainstream, repubblicani e democratici, è stato quando si è impegnato in azioni militari aggressive. Brian Williams, Fareed Zakaria e altri non potevano certo contenere la loro gioia. Fareed Zakaria della CNN ha dichiarato: 'Donald Trump è diventato presidente degli Stati Uniti'  nel momento in cui le bombe hanno iniziato a cadere. Brian Williams di MSNBC ha elogiato il lancio dei missili americani, dicendo: 'Sono colpito  dalla bellezza delle nostre armi' . Sul 'The Washington Post' David Ignatius ha detto che pensando a questa azione, Trump 'ha ristabilito la credibilità del potere americano'.
In questo momento, i consensi del presidente Trump stanno calando, e lui desidera ardentemente un rinforzo positivo. Lui e la sua squadra stanno facendo un calcolo politico e cercano qualsiasi scusa o opportunità per lanciare un altro attacco militare, in modo che Trump possa essere nuovamente glorificato per aver sganciato bombe.

Altri che guadagnerebbero di più sono Al Qaeda e tutte le organizzazioni terroristiche che vogliono mantenere in vita la guerra per cambiare il governo di  Assad. La loro guerra per rovesciare Assad sta per finire. Finalmente stanno affrontando la sconfitta. Un attacco americano che indebolisce significativamente l'esercito siriano  sarebbe un regalo per questi gruppi terroristici che vogliono rovesciare il governo e istituire una teocrazia estremista sunnita a Damasco. Arabia Saudita, Turchia e Qatar sarebbero i beneficiari.
Il complesso militare-industriale che traggono profitti  dalla continuazione di queste guerre di cambio di regime ne trarranno beneficio.
Chi ne soffrirebbe di più? Il popolo siriano, che sta pregando di essere lasciato in pace in modo che possano provare a ricostruire il loro paese. Quando ho visitato la Siria, le persone hanno condiviso la loro disperazione con me, chiedendomi di condividere il loro messaggio con il popolo americano: 'Non stiamo implorando i vostri soldi o il vostro aiuto. Vi stiamo semplicemente implorando di smettere di sostenere i terroristi che stanno distruggendo il nostro paese. Per favore, vogliamo vivere  in pace!'
Un attacco degli Stati Uniti aumenterà la probabilità di ulteriori perdite, feriti e sofferenze di truppe USA, e miliardi di dollari di denaro dei contribuenti sprecati, che potrebbero invece essere usati per migliorare la vita del popolo americano.
 
JG: Uno dei problemi con il conflitto in Siria è il linguaggio usato per descriverlo. I media e molti responsabili delle politiche tendono a usare un linguaggio volutamente vago o opaco quando descrivono ciò che sta accadendo da quasi sette anni. Così oggi sentiamo dire che la provincia di Idlib è "ribelle" che sta "tendendo" contro un attacco imminente (forse con l'uso di armi chimiche) da parte di Assad. Ma descrivere coloro che oggi controllano Idlib semplicemente come "ribelli" sembra oscurare più di quanto illumini: è una banda pacifica e moderata di ribelli che attualmente controllano Idlib? Cosa pensa che accadrebbe ai cristiani, ai drusi, agli alawiti e ai non praticanti se tali "ribelli" riuscissero, con l'aiuto degli Stati Uniti e della Turchia (tra gli altri) a rovesciare Assad e ad espandere il loro controllo sulla Siria?
 
TG: Credo che colpirebbe la maggior parte degli americani come assolutamente folle che il presidente degli Stati Uniti, il suo vicepresidente, l'ambasciatore delle Nazioni Unite, il segretario di stato ed i media mainstream che descrivono le stesse entità terroristiche responsabili dell'attacco dell'11 settembre come "ribelli".
Poiché sappiamo che loro sanno che Al Qaeda è la principale forza in controllo di Idlib, possiamo solo concludere che non considerano più Al Qaeda un'organizzazione terroristica o il nemico.
Il generale Joseph Dunford, così come le Nazioni Unite, hanno confermato che Idlib è controllata da 20.000 a 30.000 membri di  al Qaeda e altri gruppi terroristici. Brett McGurk, l'inviato speciale dell'amministrazione per contrastare l'ISIS, ha affermato che "Idlib è il più grande rifugio sicuro di Al Qaeda dall'11 settembre".
Quindi non c'è alcuna ambiguità sulla situazione: gli Stati Uniti agiscono come il fratello maggiore e protettore di Al Qaeda e di altre organizzazioni terroristiche in Siria.
 
La vera domanda è perché.
 
Stiamo conducendo una guerra per il cambio di regime in Siria dal 2011. Il centro di quella guerra per rovesciare il governo siriano di Assad, insieme ai nostri alleati Arabia Saudita, Turchia e Qatar, ha fornito sostegno diretto e indiretto alle organizzazioni terroristiche come Al Qaeda che sta effettivamente servendo come la nostra forza di base, consentendo loro di crescere in numero e forza in Siria.
Ora, il presidente Trump e il suo gabinetto di guerrieri sono preoccupati che se Al Qaeda viene sconfitta a Idlib, allora la nostra guerra di cambio di regime per rovesciare il governo siriano sarà finita.
Non c'è dubbio che se gli Stati Uniti e i loro alleati avranno successo nella loro guerra per rovesciare Assad, le forze più potenti sul terreno (Al Qaeda e altri gruppi terroristici) subentreranno, e le minoranze religiose o chiunque sia in disaccordo con la teologia / ideologia di Al Qaeda sarebbero prese di mira. Quando ho visitato la Siria, ho incontrato alcuni leader cristiani ad Aleppo che mi hanno portato in alcune delle loro chiese storiche che erano state prese di mira e bombardate e ridotte  in macerie da gruppi terroristici come Al Qaeda e ISIS che aderiscono all'ideologia wahhabita salafita, propagata dall'Arabia Saudita.  L'Arabia in tutto il mondo, credendo che, a meno che tu non aderisca alla loro estremistica ideologia esclusivista, devi essere ucciso o ridotto in schiavitù.
 
 
Proprio la settimana scorsa, il presidente Trump e il vicepresidente Pence hanno pronunciato solenni discorsi sugli attacchi all'11 settembre, onorando le vittime dell'attacco di Al Qaeda contro il nostro paese. Eppure continuano a proteggere Al Qaeda e altre forze terroristiche in Siria, e hanno minacciato "terribili conseguenze" e una guerra illegale contro Russia, Siria e Iran se osano attaccare questi terroristi - potenzialmente mettendo il nostro paese sulla strada per la Terza Guerra Mondiale . La continua protezione di Al Qaeda da parte dell'amministrazione Trump è un tradimento del popolo americano, in particolare per  le vittime dell'11 settembre, i primi soccorritori, i miei fratelli e sorelle in uniforme che sono stati uccisi o feriti in azione e le loro famiglie. È un tradimento del popolo americano al quale sono stati prelevati trilioni di dollari presi dai loro portafogli, apparentemente per sconfiggere i terroristi che ci hanno attaccato l'11 settembre,
Questa non è una questione partigiana. Ogni americano-democratico, repubblicano, indipendente, deve condannare questo tradimento fatto dal nostro comandante in capo. Questa guerra per il cambio di regime in Siria e l'alleanza USA con Al Qaeda e altri terroristi devono finire ora.
 
JC: Si ascoltano spesso neocon e interventisti liberali che mettono in guardia dall'eccessivo apprendimento dalle lezioni dell'Iraq. Il che è piuttosto strano. Nei suoi anni al Congresso ha visto qualche prova che quelle lezioni siano state effettivamente apprese dagli istituti politici e dei media in primo luogo?
 
TG: No.
Sulla base delle continue politiche controproducenti contro il cambiamento del regime del nostro paese, è chiaro che i leader di entrambe le parti non hanno appreso le dolorose lezioni di decenni di guerre interventiste di cambiamento di regime, più recentemente in Iraq, Libia e ora la Siria. Il risultato è stato costoso per il popolo americano, per vite umane e dollari dei contribuenti e devastante per il popolo di questi paesi, dove sono state perse innumerevoli vite, create crisi umanitarie, con l'essere costretti a lasciare le loro case e la distruzione totale del loro modo di vivere.

Recentemente ho combattuto per vanificare  una disposizione della legge di autorizzazione alla difesa del 2018 che essenzialmente autorizza i segretari di stato e di difesa a entrare in guerra con l'Iran. Solo 60 membri del Congresso hanno sostenuto il mio emendamento.
Mentre molti membri del Congresso e l'amministrazione Trump si scagliano contro l'Iran e chiedono che le truppe statunitensi rimangano in Siria indefinitamente per contrastare l'influenza e la presenza dell'Iran, rifiutano di riconoscere il fatto che la guerra per il cambio di regime degli Stati Uniti in Siria ha notevolmente rafforzato la  presenza e influenza dell'Iran in quel paese. In altre parole, il governo siriano di Assad è diventato molto più dipendente e grato all'Iran e alla Russia, a causa dei nostri sforzi per rovesciare il loro governo. Questo ovviamente non serve gli interessi nazionali degli Stati Uniti o di Israele.
 
Inoltre, la presenza e l'influenza dell'Iran in Iraq erano zero prima di rovesciare Saddam Hussein. Ora l'Iran è il potere dominante in Iraq.
 
Il problema è che i nostri leader sono o estremamente miopi, o stanno coscientemente lavorando contro gli interessi degli Stati Uniti e dei nostri alleati. L'innegabile verità è che il risultato diretto del rovesciamento dei regimi di Saddam Hussein, Muammar Gheddafi e dei nostri sforzi per rovesciare Bashar al-Assad, ha aumentato notevolmente la presenza e l'influenza di Russia e Iran, così come di Al Qaeda e di altri jihadisti , in tutti e tre questi paesi.
In breve, abbiamo speso trilioni di dollari dei contribuenti e migliaia di vite americane per aiutare quelli che consideriamo nemici o avversari. Chi ha bisogno di nemici quando abbiamo leader come questi?
 
JC: Il presidente Trump ha, nell'ultimo anno con l'aggiunta di John Bolton e la promozione di Mike Pompeo a Segretario di stato, ha assemblato quello che potrebbe essere definito un "gabinetto di guerra". Tuttavia, con le notevoli eccezioni, a partire da lei, i deputati Ro Khanna e Walter Jones e il senatore Rand Paul, alcuni, ma non troppe, sono state sollevate voci contro lo spettro di un'altra guerra disastrosa nel Grande Medio Oriente. Cosa ne pensa e come spiega il silenzio?
 
TG: Penso che ci siano una serie di ragioni per questo. Alcune persone intendono bene - vedono le immagini dei bambini che soffrono e si commuovono per voler fare qualcosa per cercare di alleviare quella sofferenza. Ma troppo spesso sono miopi, guerre di cambiamento di regime e bombe in caduta libera, senza rendersi conto delle loro azioni probabilmente aumenteranno la sofferenza delle stesse persone che dicono di voler aiutare.
 
Ad altri semplicemente non importa che causeranno sofferenze inutili.
 
Altri potrebbero essere preoccupati di come parlare contro le guerre di cambiamento di regime possa avere un impatto sulla loro "carriera" politica o per la campagna elettorale. Non vogliono essere calunniati come "pro-dittatori" dai media e sui social media. Se eri contro la guerra per il cambio di regime in Iraq, sei un seguace di Saddam. Se eri contro cambiamento di  regime e  la guerra in Libia, sei un seguace di Gheddafi. Se chiedi prove prima di lanciare un attacco militare USA contro una nazione sovrana senza l'approvazione del Congresso, avrai leader come Howard Dean che dicono: 'Questa è una vergogna. Questa persona non dovrebbe essere presente al Congresso!' I nostri politici vedono leader repubblicani e democratici che si uniscono per accusare chiunque si opponga alle guerre che cambiano un regime.
 
Alcuni rimangono in silenzio perché non hanno la forza di opporsi ai lobbisti aziendali.
Ogni politico vuole vedersi come un grande umanitario. Ma purtroppo, e pericolosamente, molti non si rendono conto che troppo spesso la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni.
Queste persone ben intenzionate prendono decisioni basate sulle emozioni, senza considerare le conseguenze delle loro azioni. Se vedono i bambini soffrire e viene detto dai media che il signor X è responsabile di quella sofferenza, sentono la responsabilità morale di liberarsi di Mr. X.
Ma lo fanno senza pensare attraverso le conseguenze delle loro azioni e la probabilità che le loro decisioni finiscano per causare sofferenza umana infinitamente più grande.
 
Basta guardare la situazione in Libia. Per 'salvare' il popolo libico, abbiamo completamente distrutto il loro paese. È uno Stato fallito. Sono sotto il dominio di terroristi e mercanti di schiavi in ??cui donne e bambini sono venduti pubblicamente nei mercati. È l'inferno sulla terra. Eppure non abbiamo mai sentito una sola scusa al popolo libico da nessun leader americano o europeo responsabile di questa guerra per il cambio di regime. Questi leader non sono interessati alla terra desolata che hanno lasciato indietro, sono troppo occupati a pianificare e promuovere nuove guerre per cambiare il regime.
 
I proclami fatti dal presidente Trump, dall'ambasciatore Nikki Haley, dal segretario Mike Pompeo e da John Bolton sul tentativo di impedire una catastrofe umanitaria e vittime civili a Idlib, in Siria, suonano particolarmente vuoti. Sembrano aver completamente dimenticato i nostri attacchi a Mosul e Raqqa, che hanno provocato molte migliaia di vittime civili.
Le proclamazioni dell'umanitarismo da parte dell'amministrazione Trump sono solo un pretesto per proteggere Al Qaeda e altre forze terroristiche con cui siamo alleati nella nostra ricerca per rovesciare il governo siriano. La linea di fondo è che non vogliamo che vengano uccisi perché lavorano per noi. I loro interessi sono i nostri interessi e viceversa.
 
Se l'amministrazione Trump e i leader del Congresso fossero davvero preoccupati di prevenire vittime civili, avrebbero messo fine a tutto il sostegno americano all'Arabia Saudita e condannato la loro guerra genocida nello Yemen che ha ucciso migliaia di civili con bombe, causato milioni di vittime a causa della fame forzata e del colera , creando la peggiore crisi umanitaria nel mondo.
Se fossero veramente preoccupati per la sofferenza umana, sicuramente non prenderebbero provvedimenti per aumentare la probabilità di un conflitto diretto con l'Iran o la Russia - il che potrebbe portare alla terza guerra mondiale e alla sofferenza oltre la nostra immaginazione.
 
Se fossero veramente preoccupati per le sofferenze del popolo siriano, allora riconoscerebbero che intervenire per proteggere i terroristi che stanno tentando di rovesciare il governo siriano semplicemente prolungherà la guerra e porterà a più sofferenze per il popolo siriano.
 
Fonte: The Nation - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa