Glenn Greenwald: "La censura è una parte centrale del progetto politico dei Democratici"

Glenn Greenwald: "La censura è una parte centrale del progetto politico dei Democratici"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il giornalista indipendente Glenn Greenwald ha partecipato al programma "The Ingraham Angle" in onda su Fox News, per discutere della "censura" dei Democratici nei confronti della libertà di parola.

Greenwald ha affermato che alcune élite e i Democratici (Partito Democratico) negli Stati Uniti stanno cercando di ridefinire la libertà di parola e controllare ciò che le persone possono ascoltare perché è l'unico modo in cui possono ottenere e conservare il potere.

Libertà di parola significa accettare qualsiasi opinione, anche la più estranea a te, e non solo quelle con cui sei d'accordo, ha sottolineato il giornalista.

“Se la libertà di parola esiste solo per coloro con cui sei d'accordo o in cui credi, allora non ne hai bisogno!”, ha affermato Greenwald. Il quale ha poi aggiunto: “Cosa sta succedendo” Dal 2016, i Democratici hanno effettivamente concluso che l'unico modo per vincere le elezioni è controllare il flusso di informazioni su Internet. E per fare questo cercano di ridefinire il significato del termine "libertà di parola", per suggerire che le informazioni false nella loro concezione o secondo quanto stabilito dal governo possono essere legalmente limitate e coloro che le diffondono, possono essere puniti. Questo fa parte della loro strategia globale”.

Quindi la censura “è diventata una parte centrale del progetto politico” dei Democratici. Il giornalista indipendente spiega: “Immaginate se prendessimo le loro parole alla lettera - in conformità con la Costituzione, tutti i corrispondenti del  New York Times i quai hanno affermato nel 2002 che c'erano armi di distruzione di massa in Iraq potrebbero essere arrestati! Sarebbe possibile citare in giudizio e persino mandare in prigione coloro che hanno affermato che il laptop di Biden faceva parte di una campagna di disinformazione russa. E, nonostante tutto il disprezzo che provo per coloro che hanno scritto e detto tutto questo, io, ovviamente, so che non possono essere puniti dalla legge. Lo Stato non può metterli in galera, anche se si trattava di disinformazione, perché sono protetti dalla Costituzione. Ma gli statunitensi sono portati a credere che il ruolo dello Stato stia diventando sempre più importante nel determinare cosa è vero e cosa è falso e, di conseguenza, cosa possono e cosa non possono ascoltare”.

Un fenomeno che vediamo in tutto il cosiddetto mondo libero occidentale. Come dimostra la richiesta della Francia alla piattaforma video Rumble di rimuovere tutti i video di RT, o la censura applicata nei confronti dei media russi. 

“La cosa più inquietante di tutto questo, Laura - afferma Glenn Greenwald - è che con lo scoppio del conflitto in Ucraina, l'intera Unione Europea ha reso illegale trasmettere o ospitare media statali russi su varie piattaforme. Forse ami RT, forse  no, forse la guardi, forse no, è una tua scelta. Ma l'Ue ha detto: ‘Non devi scegliere! Se sei un cittadino dell'Unione Europea, non puoi accedere a questi organi di informazione, anche se vuoi sapere cosa si dice in Russia, perché l'abbiamo reso illegale’. E ora hanno contattato aziende statunitensi come Rumble richiedendo loro di rimuovere i contenuti multimediali che non piacciono all'UE, altrimenti verrà loro negato l'accesso ai mercati europei. Quindi è significativo che Rumble, un'alternativa di libertà di parola a YouTube, abbia detto al governo francese che non si sarebbe conformata”. 

 

 

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente