World Affairs/Gli Stati Uniti trattano la Cina come se fosse la Germania nazist...

Gli Stati Uniti trattano la Cina come se fosse la Germania nazista. Questa caduta verso la terza guerra mondiale deve essere fermata, prima che sia troppo tardi

 

di Caitlin Johnston* - RT
 

Il sentimento anti-Pechino viene deliberatamente sollevato da un'America imperialista, dai suoi alleati supini e da oligarchi di supporto. Ma è solo propaganda egoistica.

 

La Cina è in prima pagina ogni giorno. Oggi, qui in Australia, stiamo fingendo di essere offesi perché un tabloid cinese ha pubblicato l'accusa che la nostra nazione è un "canguro gigante che funge da cane degli Stati Uniti", anche se sappiamo tutti che è completamente vero e dovremmo essere lusingati che almeno utilizzavano il termine "gigante".
 
Prima di quest'articolo, ci stavamo indignando per una pesante tariffa d'orzo in risposta alla diffusione della campagna diffamatoria anti-cinese partita dagli Stati Uniti, che come si scopre Washington ci ha imposto. 
 
Il sentimento anti-cinese è sempre più fiorente in Australia, aiutato dai nostri mezzi di informazione dominati da Murdoch, gruppi di riflessione finanziati dal Dipartimento di Stato espressamente orientati a manipolare la narrativa cinese e, naturalmente, il nostro razzismo e xenofobia radicato. 
 
A causa della sua posizione geografica, la risorsa militare e di intelligence  statunitense, convenzionalmente nota come Australia, è un importante punto focale della campagna di propaganda dell'impero centralizzato degli Stati Uniti contro la più potente nazione non assorbita a quest'ultimi. 
 
La Cina è costantemente nelle notizie ora, e non è a causa di alcun virus. Non è a causa di Hong Kong, non è a causa degli Uiguri, non è a causa di violazioni della proprietà intellettuale o di qualsiasi altra cosa, non pertinente delle scuse che vengono alimentate sul perché il governo cinese debba essere considerato il nuovo Hitler all'improvviso. 
 
Per capire cosa sta succedendo con la Cina e perché i media "di notizie" continuano a prenderla a pugni in faccia con storie su quanto sia terribile, dovete solo cogliere due punti fondamentali: 

 
Punto 1: Siamo nel mezzo di una terza guerra mondiale al rallentatore tra l'alleanza di potere centralizzata dagli Stati Uniti e le nazioni che hanno resistito al loro assorbimento. 
 
Un'alleanza libera di oligarchi senza nazione che usano i governi come armi ha assicurato il controllo su un grande gruppo di nazioni simili a un impero con economie e forze armate che potrebbero vagamente centralizzare intorno agli Stati Uniti. Per guadagnare più potere e garantire la sua egemonia in corso, questo impero oligarchico deve continuare ad espandersi assorbendo più nazioni e brutalizzandole se resistono. La Cina è di gran lunga la più potente delle nazioni non assorbite, seguita dalla Russia e dall'Iran. 
 
Le armi nucleari rendono indesiderabile un'altra guerra mondiale calda, quindi questa assume la forma di controllo delle risorse, guerra economica, colpi di scena, armamenti di milizie opposte da usare come eserciti per procura, espandendo la presenza militare in regioni geostrategiche chiave con la pretesa di combattere il terrorismo e " interventismo umanitario ”, con invasioni terrestri su larga scala della vecchia scuola usate solo come ultima risorsa, e solo dopo aver prodotto un'approvazione internazionale sufficiente per garantire la costante coesione dell'alleanza di potere simile a un impero.
 
Ma l'obiettivo finale è lo stesso di una guerra mondiale convenzionale: sconfiggere l'altra parte con la sottomissione. E, in questo caso, assorbimento nella sfera imperiale. Dopo la caduta dell'Unione Sovietica, l'ortodossia prevalente nelle strutture di potere statunitensi divenne che gli Stati Uniti dovevano mantenere l'egemonia unipolare a tutti i costi per mantenere un "ordine mondiale liberale" (anche se ciò significa abbandonare i valori "liberali" ogni volta che è conveniente). Da quel momento in poi, l'agenda è stata il dominio globale e la sovversione lenta e soffocante di chiunque si metta in mezzo. 
 

Punto 2: la propaganda viene utilizzata per far avanzare questa guerra mondiale. 
 

In una guerra convenzionale, ciascuna parte ha chiari obiettivi militari che tutti comprendono e le armi vengono naturalmente mosse in base a questi obiettivi. In questa strana guerra mondiale al rallentatore, nessuno capisce cosa sta succedendo oltre ai principali giocatori di potere e coloro che stanno prestando molta attenzione. 
 
Le varie agende contro i governi di Iran, Venezuela, Russia, Siria, Cina, ecc. appaiono diverse e non correlate se osservate individualmente, e in effetti vedrete diverse fazioni politiche che supportano alcune di queste agende ma non altre. L'unica cosa che unisce questo movimento al rallentatore verso la distruzione e l'assorbimento di tutte le nazioni non allineate sono le narrazioni di propaganda attentamente costruite. 
 
Il modo in cui operano queste narrative unificanti di propaganda è semplice. Non succederebbe mai ai cittadini di classificare e pensare che una nazione dall'altra parte del pianeta che sta praticamente facendo le proprie cose deve essere sanzionata, sovvertita e portata al limite, quindi gli oligarchi imperialisti che possiedono i media si assicurano che tutti siano alimentati da narrazioni su misura secondo la propria camera di eco ideologica per evitare che qualsiasi inerzia domestica venga lanciata su questi programmi. 
 
Una volta che c'è abbastanza accordo sul fatto che Saddam / Gheddafi / Morales / Assad / Maduro /  la campagna per sovvertire, sabotare e assorbire quel governo può essere tranquillamente intensificata.
 
Se riesci a capire i punti uno e due, puoi capire tutto ciò che sta accadendo con la Cina e tutto ciò che continuerà a succedere. Le narrazioni sulla propaganda saranno lanciate con crescente aggressività, che hanno l'obiettivo a lungo termine di alienare la Cina dai suoi alleati, ferire i suoi interessi economici e impedirne l'ascesa al vero status di superpotenza e creare un mondo multipolare.
 
E la cosa divertente è che nulla di tutto ciò è necessario. Gli occidentali sono stati deliberatamente propagandati nel credere che la Cina voglia conquistare il mondo e lo faranno se non in linea con gli Stati Uniti, che hanno circondato la Cina con basi militari in un atto di estrema aggressività che gli stessi Stati Uniti non tollererebbero mai governo non assorbito. Ma se davvero interrogate  le persone su ciò che sanno sul fatto che la Cina vuole conquistare il mondo, scoprirete che non ne hanno prove sostanziali. 
 
Ti diranno che la Cina ha un governo autoritario che perseguita le minoranze etniche e religiose, sostenendo erroneamente che ciò significa che vogliono conquistare il mondo e infliggere lo stesso a tutti gli altri. Ti diranno che la Cina ha cercato di espandere il controllo su alcuni territori direttamente adiacenti, affermando erroneamente che ciò significa che vogliono dominare il pianeta militarmente come fanno attualmente gli Stati Uniti. 
 
Citeranno prove che dimostrano che la Cina sta cercando di diventare una superpotenza e creare un mondo multipolare (qualcosa che la Cina ammette apertamente) e affermano erroneamente che questa è la prova che stanno cercando di dominare il mondo con un'egemonia unipolare. 

Non saranno in grado di produrre alcuna prova concreta e concreta che la Cina stia cercando di impadronirsi del mondo, censurare Internet e sottrarre i propri diritti, perché non esistono prove del genere. È una credenza completamente vuota derivante dalla manipolazione narrativa aggressiva. 
 
"Un mito che penso davvero che debba essere dissipato è che in qualche modo la Cina punta a rimpiazzare l'America e sta andando a governare il mondo, e non lo è", ha dichiarato Eric Li sul documentario di John Pilger The Coming War on Cina . 

“Prima di tutto, i cinesi non sono così stupidi. L'Occidente, con le sue radici cristiane, riguarda la conversione delle altre persone nelle loro credenze. I cinesi non ne parlano. È solo che - di nuovo, non sto degradando la cultura occidentale, sto solo sottolineando la natura intrinseca, il DNA di due diverse culture - i cinesi duemila anni fa hanno costruito la Grande Muraglia per tenere fuori i barbari. " 
 
Direi che questo è un riassunto ragionevole. Dopo che alcune nazioni europee hanno tentato di conquistare il pianeta solo poche generazioni fa in nome della diffusione del cristianesimo e della "civiltà" , stiamo proiettando i nostri malati valori colonialisti su una nazione la cui cultura non l'ha mai portato a una tale follia.
 
Dominare violentemente l'intero pianeta per tutta l'eternità con il vago sospetto che un altro paese voglia fare lo stesso con te non è sano e non è un'opzione. Alle nazioni non assorbite dovrebbe essere permesso di rimanere non assorbite, alle nazioni assorbite dovrebbe essere ripristinata la loro sovranità (o, nel caso dell'Australia, concessa per la prima volta dalla sua esistenza come nazione) e l'America dovrebbe iniziare a comportarsi come un paese normale. 
 
La nozione di " pre-crime " è di competenza della finzione horror distopica quando applicata a singoli individui, e non c'è motivo per cui dovremmo trovare la prospettiva di attaccare e distruggere per ipotetici reati futuri su scala internazionale. 
 
Non c'è mai stato motivo per cui il coronavirus si trasformasse in una questione di conflitto internazionale quando poteva facilmente essere una questione di collaborazione internazionale, e in effetti la collaborazione è ciò che dovremmo fare tutti, con questo virus e con tutto il resto. Terminiamo questa strana guerra mondiale al rallentatore e spostiamoci verso la sanità mentale.
 

*Caitlin Johnston è una giornalista indipendente che lavora da Melbourne, Australia. Il suo account twitter è:  @caitoz
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa