Gli USA hanno lanciato 85 attacchi tra Siria e Iraq

Gli USA hanno lanciato 85 attacchi tra Siria e Iraq

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo i funzionari del Dipartimento della Difesa, poche ore fa, gli Stati Uniti hanno lanciato potenti attacchi aerei contro dozzine di obiettivi al confine tra Siria e Iraq.

Secondo le fonti, gli attacchi sono i primi di una serie di misure di ritorsione dopo l'uccisione di tre soldati americani in Giordania. 

Il presidente Joe Biden ha ordinato questi attacchi in risposta all’attacco contro le forze americane in una base vicino alla Giordania, dove tre soldati sono stati uccisi e più di 40 feriti.

I raid aerei sono stati lanciati contro la forza iraniana Al Quds e le sue milizie affiliate in Iraq e Siria.

Durante una conferenza stampa telefonica, un alto funzionario della Casa bianca ha confermato il raid contro 85 obiettivi in ??sette strutture utilizzate dalla Guardia rivoluzionaria iraniana e da gruppi armati. Tre delle strutture sono in Iraq e quattro in Siria.

In questa operazione i bombardieri B-1 hanno sganciato più di 125 munizioni a guida di precisione in un periodo di circa 30 minuti.

Gli obiettivi dell'attacco sono stati approvati dalla presidenza degli Stati Uniti e sono stati innescati da operazioni effettuate contro le forze statunitensi nella regione.

 

Il Dipartimento della Difesa è nelle prime fasi della valutazione dei danni, ma secondo le dichiarazioni di diversi suoi funzionari ai media e alle agenzie di stampa, “il successo è confermato”.

Ad oggi non ci sono informazioni su quanti membri del personale armato siano stati uccisi o feriti.

Secondo il Comando Centrale delle Forze degli Stati Uniti, i centri di comando e controllo e di intelligence, le unità missilistiche e i magazzini di droni sono stati  colpiti.

Da parte sua, il corrispondente di Al Mayadeen in Siria ha riportato attacchi contro le basi americane nel giacimento di gas di Koniko, a est di Deir Ezzor e nel quartiere di Harabesh nella stessa città.

La fonte ha inoltre confermato che la maggior parte dei siti attaccati erano stati completamente evacuati prima dell'attacco.

Fonti sul posto hanno informato il canale che altri obiettivi dell’aggressione statunitense includevano un battaglione dell’esercito siriano nella città di Ayyash, una stazione di servizio a est della città di Deir Ezzor e un magazzino nella città.

Secondo un rapporto del British Sky News, ci sono alcuni seganli che “Israele” abbia compiuto degli attacchi in Siria.

La televisione di stato siriana ha riferito di martiri e feriti a seguito dell'aggressione in diverse località del deserto e al confine siriano-iracheno.

Situazione in Iraq 

Intanto, il portavoce del comandante in capo delle forze armate irachene ha riferito che le città di Al-Qaim e Akashat, zone di confine, sono sotto assedio da parte del Pentagono.

Gli attacchi costituiscono una violazione della sovranità dell'Iraq e minano gli sforzi del governo, ha aggiunto il portavoce.

Gli ultimi rapporti del corrispondente di Al Mayadeen in Iraq hanno confermato la morte di due civili come risultato preliminare dell'aggressione.

Gli Stati Uniti incolpano l’Iran 

Dagli Stati Uniti, un alto funzionario dell’amministrazione Biden ha detto alla CNN che nessun obiettivo all’interno dell’Iran sarà attaccato. 

Nel frattempo, altri rapporti indicavano che bombardieri nucleari statunitensi B-1 erano decollati dalla base aeronautica di Lakenheath in Gran Bretagna per una missione urgente in Medio Oriente.

Un esperto militare del Pentagono ha confermato alla CNN l'uso di bombardieri B1 al posto dei caccia F-15 e F-16.

Secondo quanto dichiarato da un funzionario statunitense a British Sky News , gli Stati Uniti non vogliono peggiorare una situazione già grave. Questi sono i sintomi e non la malattia, ovvero la realtà dell’attuale guerra “israeliana” a Gaza.

Washington sa di essere nei guai ed è costretta ad agire dopo l'attacco alla base in territorio giordano.

Anche l’Iran è stato chiaro: se si fermerà la guerra tra Israele e Hamas, l’escalation finirà. Ecco perché gli Stati Uniti stanno cercando disperatamente di fornire una risposta militare a quanto accaduto, ha aggiunto.

Da parte sua, il segretario alla Difesa di Washington, Lloyd Austin, ha dichiarato che l'aggressione è diretta contro strutture presumibilmente utilizzate dalla Guardia rivoluzionaria iraniana e dalle milizie affiliate per attaccare le forze statunitensi.

Il presidente Biden ha emanato direttive per adottare ulteriori misure per ritenere l’Iran responsabile dei bombardamenti sui quartier generali degli Stati Uniti e della coalizione internazionale. "Non cerchiamo il conflitto in Medio Oriente o altrove, ma non tollereremo le molestie nei confronti delle forze americane", ha detto Austin.

Un altro alto funzionario statunitense ha riferito che la risposta è iniziata venerdì sera, ma non finirà qui.

Allo stesso modo, ha riferito che la Casa Bianca aveva precedentemente informato il governo iracheno dell'operazione.

Inoltre, gli Stati Uniti prenderanno le decisioni migliori per quanto riguarda la valutazione dei danni degli attacchi, anche se gli alti funzionari hanno espresso fiducia sulla precisione dei raid contro obiettivi militari forti.

La scelta dei punti mirava a distruggere le capacità della Guardia Rivoluzionaria e dei gruppi da essa sponsorizzati, ha confermato.

Un altro esponente repubblicano di alto rango nel Comitato per i servizi armati del Senato degli Stati Uniti, Roger Wicker, ha ricordato l’Iran e i suoi delegati hanno tentato di uccidere soldati statunitensi e affondare navi da guerra in 165 occasioni.

L’amministrazione Biden ha trascorso quasi una settimana a inviare segnali agli avversari sulle intenzioni degli Stati Uniti, dando loro il tempo di nascondersi, ha lamentati.

Sebbene Wicker abbia deciso di non fornire dettagli sui tempi dei futuri attacchi, ha ribadito che il segnale è diretto alla Guardia rivoluzionaria iraniana e ha espresso la necessità di cessare gli attacchi.

I recenti bombardamenti avevano lo scopo di indebolire le capacità in modo più potente che in passato ed esaurire le capacità della Guardia Rivoluzionaria e dei gruppi armati. 

Secondo Wicker, gli Stati Uniti non hanno più avuto comunicazioni con l'Iran dalla morte dei tre soldati in Giordania.

Per quanto riguarda la raccolta di informazioni, il senatore ha commentato la notevole quantità di tempo impiegato per identificare gli obiettivi appropriati e ha espresso fiducia nel rintracciare gli obiettivi associati agli attacchi in corso.

Possibile partecipazione della Giordania

Il quotidiano staunitense The Wall Street Journal ritiene veritiera la possibilità che aerei giordani si siano uniti all'operazione e.

Il ruolo di Amman è insolito e mira a mostrare solidarietà agli Stati Uniti dopo gli attacchi dei droni all'avamposto in Giordania vicino al confine siriano.

Altre informazioni della stampa locale denunciano che l'organizzazione terroristica ISIS-Daesh ha approfittato degli attacchi statunitensi per copire l'esercito e le forze di mobilitazione popolare nella regione occidentale di Anbar, in territorio iracheno.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti