/ I jet russi Su-35 hanno nuovamente impedito gli attacchi aerei is...

I jet russi Su-35 hanno nuovamente impedito gli attacchi aerei israeliani contro la Siria

 
 
La presenza dei jet Su-35 della Russia avrebbe impedito all'Aeronautica israeliana di condurre attacchi aerei nel sud della Siria ieri, secondo quanto riportato dalla pubblicazione aeronautica russa Avia.Pro .
 
Secondo il rapporto Avia.Pro, i jet russi Su-35S sono stati schierati con urgenza nel sud della Siria per intercettare un aereo israeliano e prevenire qualsiasi attacco all'interno di questa regione.
 
La pubblicazione afferma che l'aeronautica israeliana si stava preparando a lanciare attacchi aerei sulla Siria meridionale in risposta a un presunto attacco missilistico condotto dalle forze sostenute dall'Iran a Damasco.
 
"Secondo i dati preliminari, i caccia russi sono stati in grado di impedire che gli aerei israeliani colpissero la Siria meridionale in risposta a un presunto attacco missilistico sul territorio israeliano", ha riportato la pubblicazione.
 
"È noto che poche ore prima che i sistemi di difesa aerea siriani fossero messi in piena allerta per respingere gli attacchi missilistici israeliani, erano ovviamente i Su-35 russi che erano in grado di impedire agli aerei israeliani di effettuare l'attacco".
 
Avia.Pro ha affermato che questa non è la prima volta che i militari russi sono stati in grado di ostacolare gli atacchi israeliani, come è stato riportato già il mese scorso.
 
Ieri, un accampamento paramilitare iracheno nella città siriana di Albukamal è stato attaccato da un aereo sconosciuto.
 
Mentre alcuni affermano che sono stati uccisi fino a 18 combattenti, Hezbollah ha negato le notizie e ha accusato gli Stati Uniti e Israele di aver effettuato gli attacchi.
 
Né gli Stati Uniti né Israele hanno commentato queste accuse.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa