Idlib come Sarajevo: "fuoco amico per intervento armato?". I dubbi de la Stampa

Idlib come Sarajevo: "fuoco amico per intervento armato?". I dubbi de la Stampa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


PICCOLE NOTE


La strage di civili causata da armi chimiche avvenuta ieri a Idlib, in Siria, è ovviamente la prima notizia di tutti i giornali. E, al solito, per i quotidiani mainstream Assad è il colpevole dell’orrendo crimine. Al tema abbiamo già dedicato una Postilla, alla quale rimandiamo (cliccare qui).

 

La criminalizzazione di Assad da parte di certa stampa è cosa usuale. Ormai è tragico riflesso automatico. Che scatta al di là di ogni ragionevole dubbio, di ogni riflessione, di ogni doverosa ricerca delle prove. Alimentando quel circuito perverso che stringe l’informazione sulla guerra siriana in un vicolo cieco, immerso nel buio più profondo. E il buio della ragione genera mostri.

 

Per fortuna qualche giornalista ancora prova a porsi domande. È il caso di Giuseppe Cucchi, sulla Stampa del 4 aprile, che scrive: «L’episodio è poi tanto inatteso quanto assurdo. Inatteso poiché, come già detto, dopo l’entrata in vigore dell’accordo [che aveva comportato la distruzione dell’arsenale chimico di Assad ndr.], che non era stato mai violato sino a oggi, non ci sarebbero più dovuti essere aggressivi nervini in questa parte del Medio Oriente».



 

«Assurdo in quanto non si comprende perché il regime di Assad, che ha immediatamente negato ogni responsabilità nell’accaduto, dovrebbe aver deciso di compiere un gesto tanto crudele, clamoroso e illecito proprio quando le sorti della guerra, rimaste in dubbio per anni, sembrano volgere inesorabilmente, anche se lentamente, a suo favore».

 

Certo, continua Cucchi, potrebbe essere stata un’iniziativa di qualche militare, ma la «strettissima» presa di Assad sul suo esercito rende tale ipotesi «azzardata». «E poi potrebbero mai le forze siriane decidere un bombardamento di questo tipo senza informare preventivamente l’alleato russo, motore e garante dell’accordo che liberava la Siria dalla presenza di armi chimiche? Decisamente impensabile».

 

Quanto accaduto a Idlib ieri, per Cucchi ricorda la tragedia di Sarajevo, con i bombardamenti che fecero stragi di civili. «Fu l’episodio che motivò l’intervento aereo della Nato sulle truppe serbe – scrive il cronista della Stampa -. Ancora anni dopo però permangono fondati dubbi sulla dinamica dell’accaduto, considerato come esistessero indizi secondo i quali i colpi di mortaio sarebbero potuti partire da zone in mano ai bosniaci e non ai serbi. Fuoco amico, dunque? Fuoco amico destinato a provocare l’intervento Nato? L’interrogativo resta aperto».

 

Nessun dubbio residuo, si potrebbe aggiungere, permane invece sull’intervento della Nato in Iraq, motivato dal pericolo costituito dalle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein. Eppure al tempo autorevolissimi esponenti politici e alti militari della Nato, come anche autorevoli media presentarono al mondo prove inconfutabili in tal senso. Ad avvelenare i pozzi dell’informazione, oggi come allora, sono gli stessi ambiti, ai quali è garantita l’immunità, se non la carriera, anche in caso di successiva smentita.

 

A margine di quanto scritto val la pena accennare alla reazione di Staffan De Mistura, inviato per l’Onu in Siria all’eccidio di ieri: «Ogni volta che abbiamo un momento in cui la comunità internazionale si riunisce [per negoziare sulla Siria ndr.], c’è sempre qualcuno che, in qualche modo, prova a minare la speranza producendo un sentimento di orrore e oltraggio».

 

Nella postilla di ieri abbiamo scritto come due giorni fa sia il Capo del Dipartimento di Stato che l’ambasciatrice all’Onu degli Stati Uniti avevano fatto capire chiaramente che la permanenza di Assad al potere non era più un ostacolo ai negoziati di pace, come accaduto in passato.



 

Una svolta che avrebbe di certo favorito la riuscita dei negoziati, peraltro con beneficio di Assad. Evidentemente uno sviluppo sgradito a  qualcuno, che ha fatto saltare tutto.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti