Il ministro della difesa russo: "Siamo vicini a un armistizio finale in Siria". Putin definisce "la liberazione di Aleppo "fondamentale" per il paese arabo

Il ministro della difesa russo: "Siamo vicini a un armistizio finale in Siria". Putin definisce "la liberazione di Aleppo "fondamentale" per il paese arabo

Per il Presidente russo, Vladimir Putin "la liberazione di Aleppo da elementi radicali è fondamentale per la completa normalizzazione della Siria".

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il ministro della Difesa Sergey Shoigu ha riferito al presidente Vladimir Putin che le truppe siriane hanno recuperato con l'aiuto di forze aeree russe, il controllo su tutti i distretti ed i sobborgi di Aleppo.
 
Il ministro della Difesa ha spiegato che l'operazione per liberare Aleppo è stata effettuata "a stretto contatto con i partner provenienti da Turchia e Iran."
 
Ora, a parere di Shoigu, "dovrebbe essere fatto il prossimo passo", perché "siamo arrivati ??molto vicino a raggiungere un accordo su un cessate il fuoco totale" in Siria.
 
I civili tornano ad Aleppo
 
Il ministro della difesa russo ha dichiarato che quasi 34.000 persone, tra cui 8.500 bambini, sono state evacuate da Aleppo Est nell'ambito di un "grande operazione umanitaria."
 
Attualmente, la popolazione civile sta tornando ad Aleppo, mentre gli specialisti russi e siriani sono al lavoro per il ripristino di energia elettrica e di acqua in città.
 
D'altra parte, Shoigu ha rivelato che "ci sono tutte le possibilità", che ora entrino ad Aleppo i convogli umanitari "di cui molto è stato detto," ma non ci sono molte iniziative in tal senso.
 
Putin: "Lavoreremo per raggiungere una riconciliazione finale in Siria"
 
Il presidente russo Vladimir Putin ha definito la liberazione di Aleppo un "passo essenziale" verso la normalizzazione della situazione in Siria e nella regione nel suo complesso, e ha sottolineato il "ruolo decisivo" dei militari russi in questa operazione.

Allo stesso tempo, ha sottolineato la necessità di fare "tutto per cessare le ostilità su tutto il territorio siriano" e ha annunciato che la Russia si adopererà per raggiungere "una riconciliazione definitiva" in Siriacon il governo siriano, l'Iran, la Turchia, e "tutte le parti interessate".
 

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti