"Il nuovo algoritmo di Facebook funziona da Dio. Non mi è più comparsa una notizia che una de l'Antidiplomatico"

"Il nuovo algoritmo di Facebook funziona da Dio. Non mi è più comparsa una notizia che una de l'Antidiplomatico"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Stiamo ricevendo diverse segnalazioni in questi giorni di nostri lettori che non riescono più a ritrovare la nostra pagina su Facebook. Vi vogliamo pubblicare una in particolare che pensiamo racchiuda al meglio il senso di tutti i messaggi che ci sono giunti.

Il nuovo algoritmo di Facebook funziona da Dio.
Da quando l'ottimo Mark ha deciso di farci socializzare di più e meglio non mi è più comparsa "una notizia che una" dalla pagina dell'Antidiplomatico da me seguita così come da molti dei miei contatti.
Da una media di 5 post al giorno che intercettavano la mia attenzione siamo passati a zero.
Nel ringraziare Mark per lo sforzo di volermi far socializzare via Facebook vorrei dirgli che preferisco continuare a socializzare alla vecchia maniera (faccia a faccia o al limite per telefono) mentre invece vorrei riprendere ad informarmi alla nuova maniera ovvero affidandomi ai canali di controinformazione.
Il loro goffo tentativo di silenziare l'unica vera informazione in campo non fa che rafforzare in me la convinzione che siamo sulla buona strada e che presto o tardi gli faremo il culo.
Quanto segue è un copia incolla dalla pagina dell'Antidiplomatico che riporto di mia iniziativa...E non mi venite a dire che il nostro è il mondo libero e che i regimi sono altrove.
Ci lasciano fare solo quello che ritengono non gli arrechi alcun danno...Per il resto ci autolimitiamo e autocensuriamo per induzione.
Questo è solo un esempio immagino che molti dei miei contatti abbiano sicuramente riscontrato qualcosa di simile.




Come sottolinea molto correttamente Bianchi da quando Facebook ha deciso di cambiare l'algoritmo la nostra pagina di fatto non figura più nelle bacheche di chi ci segue. Abbiamo riscontrato un crollo del 70%. Questo a significare che non abbiamo più gli stessi diritti di chi per anni ha mentito - sapendo di mentire perseguendo un'agenda precisa - su Ex Jugoslavia, Iraq, Afghanistan, Siria, Libia, Iran, Venezuela, Ucraina... La storia ci sta confermando che quesi castelli di carte di menzogne che hanno permesso stragi di popolazioni e devastazioni di paesi sovrani stanno crollando uno ad uno. Ogni riferimento a Repubblica e tutti i media mainstream italiani è chiaramente voluto. Ma, "stranamente", a pagare per questa caccia alle streghe "contro le fake news" non è chi per anni ha costruito bufale a sostegno dell'insostenibile, ma chi ha cercato di smontarle.

Ne prendiamo atto.

Ora vi chiediamo a voi uno sforzo in più. Se volete restare in contatto con l'AntiDiplomatico e in generale con chi non si arrende al pensiero dominante, dovrete faro uno sforzo in più e per questo vi ripubblichiamo quanto vi scrivevamo il 23 gennaio scorso  per aggirare la caccia alle streghe "contro le fake news"





Come avevamo ampiamente previsto, la famosa caccia alle streghe mascherata con la "battaglia contro le fake news" aveva il semplice e unico obiettivo di oscuare chi, attraverso la rete, aveva smascherato anni e anni di bufale che avevano, tra l’altro, agevolato il massacro delle popolazioni dell’Ex Jugolsavia, Iraq, Afghanistan, Libia, Ucraina, Siria, Yemen. E l'elenco potrebbe essere ancora lungo.
 
Uno degli obiettivi prefissati deve essere stato raggiunto con il nuovo e fatale cambio di algoritmo da parte di Facebook. Da allora, la nostra pagina (così come tante altre, del resto) risulta quasi totalmente oscurata. Parliamo di un crollo che supera il 70%.
 
A quanto pare, il semplice “Mi Piace” non basta più per avere gli stessi diritti di Repubblica o altri esponenti mediatici del pensiero dominante su questo social. Per rimanere aggiornati con le notizie dell’AntiDiplomatico su Facebook dovete quindi compiere un ulteriore passaggio che vi chiediamo.
 
Basta un semplice passaggio.
 
Dalla pagina Facebook de l'AntiDiplomatico dovete aprire il menù a tendina nell’opzione ‘Pagina seguita’ e cliccare su ‘mostra per primi’.




 
Da oggi in poi sarà l’unico modo per avere la possibilità di avere nelle vostre bacheche l’informazione dell’AntiDiplomatico.
 

Vi ricordiamo che potete seguirci anche su questi altri canali

 
Twitter



 
Telegram:
 



Instagram:


 

Yotube:
 


 
Inventeranno sempre nuove strade per oscurarci e per questo vi chiediamo di divenire dei moltiplicatori di divulgazione de l'AntiDiplomatico. Siamo abituati agli attacchi e reagiremo come sempre. Voi siete pronti ad aiutarci?
 
Alessandro Bianchi e Fabrizio Verde



P.S. Da quando Facebook ha modificato ad hoc l'algoritmo, il numero di visite su l'AntiDiplomatico tramite accesso diretto e tramite gli altri social si stanno moltiplicando. Continuate così e la battaglia di informazione in questo paese la vinceremo insieme!

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti