Il Premio Nobel per la Pace Pérez Esquivel chiede al Regno Unito di bloccare l'estradizione di Assange

Il Premio Nobel per la Pace Pérez Esquivel chiede al Regno Unito di bloccare l'estradizione di Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il premio Nobel per la pace Adolfo Pérez Esquivel ha chiesto al governo britannico di bloccare l'estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange negli Stati Uniti, rivelano oggi fonti vicine al caso

L'intellettuale argentino ha inviato una lettera  (qui la versione inglese)al ministro dell'Interno britannico, Priti Patel, che ha nelle sue mani il futuro del giornalista australiano.

"Il Regno Unito, paese sovrano con una lunga tradizione di difesa dello stato di diritto, dovrebbe respingere la richiesta di estradizione abusiva e illegale degli Stati Uniti d'America. L'ex Segretario di Stato per il Dipartimento dell'Interno, Theresa May, ha correttamente interrotto l'estradizione di Gary McKinnon in riconoscimento della stessa condizione psichiatrica del signor Assange", ha ricordato Pérez Esquivel.

Inoltre, ha anche menzionato una serie di fatti e affermazioni sul fondatore di WikiLeaks, da un avvertimento del Consiglio d'Europa che ha definito il trattamento riservato ad Assange come una delle "minacce più gravi alla libertà di stampa" al "rapporto ufficiale delle Nazioni Unite" che il 1 novembre 2019 concludeva che "a meno che il Regno Unito cambi urgentemente rotta e allevi la sua situazione disumana, la continua esposizione del signor Assange all'arbitrarietà e agli abusi potrebbe presto finire per costargli la vita". "Il Parlamento dell'Unione Europea, parlamentari, capi di Stato ed ex capi di Stato di tutto il mondo, professionisti del diritto e studiosi del diritto esprimono la loro preoccupazione per le violazioni dei diritti umani, civili e politici fondamentali di Julian Assange e precedenti determinato dalla loro persecuzione", ha ribadito Pérez Esquivel.

A questo proposito, dopo aver esaminato i pronunciamenti contro l'estradizione, il premio Nobel ha precisato al funzionario britannico di condividere "le crescenti preoccupazioni collettive che sono state espresse circa le violazioni dei diritti umani, civili e politici fondamentali del sig. Julian Assange". Infine, ha messo in guardia sul "precedente che la sua persecuzione sta creando per la libertà di stampa" a livello globale, oltre a mettere in discussione "l'affermazione della giurisdizione universale degli Stati Uniti d'America" ??sul resto del pianeta.

Gli Stati Uniti intendono processare il giornalista per aver pubblicato file segreti su WikiLeaks in cui sono esposti crimini di guerra commessi dai suoi militari in Iraq e Afghanistan e migliaia di documenti compromettenti per la diplomazia statunitense.

Se processato e ritenuto colpevole da un tribunale statunitense, Assange, che è stato rinchiuso in un carcere di massima sicurezza britannico dal suo arresto presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra nell'aprile 2019, potrebbe essere condannato a 175 anni di carcere per le 17 accuse a suo carico.

L'intellettuale argentino, premio Nobel per la pace nel 1980, ha ritenuto, invece, illegale e abusiva la richiesta di Washington, per cui ha esortato il ministro dell'Interno a difendere lo stato di diritto e a respingere l'estradizione.

Tra l’altro ha anche evidenziato che diverse organizzazioni internazionali, tra cui le Nazioni Unite, il Consiglio d'Europa e il Parlamento europeo, oltre a decine di capi ed ex capi di Stato, hanno espresso preoccupazione per la situazione di Assange e ne chiedono il rilascio.

Mi unisco alla crescente preoccupazione collettiva per le violazioni dei diritti umani, civili e politici di Julian Assange, ha aggiunto Pérez Esquivel, il quale ha anche avvertito Patel che la persecuzione del fondatore di WikiLeaks costituisce un pessimo precedente per la libertà di stampa, e ratifica la giurisdizione universale degli Stati Uniti.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti