/ Intervista a Alfred De Zayas, ultimo relatore Onu a Caracas. Dopo...

Intervista a Alfred De Zayas, ultimo relatore Onu a Caracas. Dopo il fallimento del golpe e dell'invasione "umanitaria" a Cucuta sarà questa la strategia contro il Venezuela

 

L'uso di mercenari e para-militari da parte degli Stati Uniti ha una lunga e sanguinosa storia - non solo in Colombia ma anche in Guatemala, Honduras, El Salvador ecc. L'uso improprio degli Stati Uniti di "assistenza umanitaria" come copertura per il contrabbando di armi e anche altri articoli non "umanitari" ha una lunga storia nella Repubblica Dominicana, in Nicaragua e in altri paesi dell'America Latina.

 
Alfred De Zayas è professore di diritto internazionale a Ginevra dal 2007 e unico relatore del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Venezuela negli anni della Rivoluzione bolivariana. Torniamo ad intervistarlo come AntiDiplomatico alla luce degli ultimi aggiornamenti in corso nel paese dell'America Latina. 


INTERVISTA


Professore, recentemente ha pubblicato una petizione in cui chiedeva al Segretario Onu Antonio Guterres e al Commissario per i diritti umani Michelle Bachelet di visitare il Venezuela e intraprendere azioni concrete di mediazione per la pace e il dialogo nel paese. Cosa dovrebbe fare l’Onu in questa fase?
 
Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha offerto i suoi buoni uffici di mediazione. Il presidente Nicolas Maduro ha accettato, ma non ci sono progressi tangibili. Nel frattempo l'Alto Commissario Michelle Bachelet ha finalmente accettato l'invito del governo venezuelano a visitare il paese. Questa non è la prima volta che il Venezuela raggiunge le Nazioni Unite. È essenziale che Bachelet si allontani dai report politicizzati del suo predecessore Zeid Raad el Hussein, il quale ha deciso di scrivere due rapporti motu proprio sul Venezuela, che sistematicamente ignoravano la maggior parte delle informazioni ricevute dal governo venezuelano e dalle Ong venezuelane come Fundalatin (consultivo stato), Grupo Sures, Red Nacional de Derechos Humanos…
I due rapporti di Zeid sono solo opuscoli politici che supportano esclusivamente l'opposizione venezuelana e ignorano totalmente le opinioni di milioni di venezuelani che erano e sono ancora Chavisti. Entrambe le relazioni hanno ignorato il fatto che il Venezuela sia disposto ad invitare i relatori delle Nazioni Unite, che ha invitato tre di noi e che ho effettivamente svolto la mia missione nel novembre / dicembre 2017 e sono tornato con notevole successo, avendo facilitato il rilascio di 80 detenuti e contribuito all'intensificazione della cooperazione con le agenzie delle Nazioni Unite come la FAO e l'UNIDO. Bachelet dovrebbe cambiare i suoi riferimenti sul Venezuela a Ginevra e non fare affidamento sulle stesse persone che hanno redatto rapporti che non erano obiettivi e contenevano errori metodologici fondamentali. Il Venezuela vuole servizi di consulenza e assistenza dalle Nazioni Unite, accoglie critiche costruttive, ma respinge comprensibilmente gli sforzi per armare la retorica dei diritti umani soprattutto quando questi servono fini volti a un regime change non democratico.
Il Venezuela ha presentato dozzine di rapporti alla commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite, alla commissione per i diritti economici, sociali e culturali, alla commissione contro la tortura, ecc., Si è impegnata con gli esperti del comitato e ha attuato una serie di raccomandazioni. Allo stesso modo, quando ero in Venezuela, ho prodotto un memo confidenziale di 6 pagine che ho dato al ministro degli Esteri Arreaza, nel quale ho formulato numerose raccomandazioni, alcune delle quali sono state attuate in poche settimane. La mia relazione al Consiglio per i diritti umani contiene anche ulteriori raccomandazioni, che sono in fase di revisione. La via da seguire è il meccanismo di Montevideo che ha il supporto non solo del Messico e dell'Uruguay, ma anche di molti altri paesi latinoamericani ed europei, e da tutte le persone di buona fede. Pax optima rerum.

 

Da Professore di diritto internazionale cosa risponde a coloro che invocano la famigerata “responsabilità di proteggere” sul caso del Venezuela?
 
La R2P non è una norma internazionale, è una Risoluzione dell'Assemblea Generale non vincolante che in realtà non è compatibile con le Risoluzioni 2625 e 3314 dell’Assemblea Generale. Soprattutto, la R2P non può sostituire o modificare l'articolo 2 della Carta delle Nazioni Unite (4) che proibisce non solo l'uso della forza, ma anche la minaccia dello stesso. Questo divieto di usare la forza è una legge internazionale perentoria, ciò che noi professori chiamiamo ius cogens. Gli Stati Uniti hanno cercato di usare l'argomento dell'intervento umanitario in Nicaragua negli anni '80 e la Corte internazionale di giustizia ha respinto ogni argomentazione degli Stati Uniti e condannato gli Usa  per la sua aggressione nella sentenza del 1986, Nicaragua contro Stati Uniti.
 

Professore Lei è 40 anni che insegna sul tema dei diritti umani ed è un esperto delle Nazioni Unite. Come giudica il comportamento delle delegazioni europee nel Consiglio dei diritti umani di Ginevra?
 
Un disonore, un tradimento dei principi fondatori delle Nazioni Unite e dell'Unione europea, un abbandono dei valori religiosi. Conoscevo la Commissione per i diritti umani, che ha svolto un lavoro eccellente e ha adottato non solo la Dichiarazione universale dei diritti umani nel 1948, ma anche il Patto internazionale sui diritti civili e politici, il Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, la Convenzione contro la tortura, ecc. - Ahimè, le delegazioni europee hanno strumentalizzato i diritti umani solo per attaccare gli avversari politici ed economici, non con una visione di umanitarismo universale, non con un impegno per la dignità umana e la solidarietà internazionale, ma con una vista miope per far avanzare le imprese diritti umani amichevoli, come il diritto alla proprietà, il "diritto" di investire, il "diritto" di realizzare un profitto.
L'Europa - come gli Stati Uniti del resto - ha una cultura del denaro, una cultura del business. Non solo le delegazioni europee non sostengono il diritto allo sviluppo e il diritto umano alla pace - fanno tutto ciò che è in loro potere per sabotare questi diritti e qualsiasi risoluzione pertinente.

 

Nei loro discorsi al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sia il ministro degli esteri Arreaza che l’Ambasciatore Moncada hanno denunciato l’aggressione del 23 febbraio dalla Colombia. Hanno anche denunciato come Stati Uniti e alleati stiano armando bande irregolari di mercenari sul modello di quello che è avvenuto in Siria. Dopo il fallimento di Cucuta sarà questa la strategia contro il Venezuela?
 
L'uso di mercenari e para-militari da parte degli Stati Uniti ha una lunga e sanguinosa storia - non solo in Colombia ma anche in Guatemala, Honduras, El Salvador ecc. L'uso improprio degli Stati Uniti di "assistenza umanitaria" come copertura per il contrabbando di armi e anche altri articoli non "umanitari" ha una lunga storia nella Repubblica Dominicana, in Nicaragua e in altri paesi dell'America Latina. Questo è il motivo per cui il governo venezuelano ha rifiutato gli aiuti statunitensi come cavallo di Troia. Ma c'è un motivo in più per rifiutare l'”aiuto” degli Stati Uniti. Il paese che ha congelato (essenzialmente rubato) 30 miliardi di dollari in attività venezuelane negli Stati Uniti non può comprarsi offrendo un misero valore di 20 milioni di dollari in aiuti. Inoltre, come può una persona che si rispetti accettare l'”aiuto” dal suo aguzzino? Non è possibile essere una delle principali cause della crisi economica - avendo imposto sanzioni paralizzanti, blocchi finanziari e guerra economica - e poi trasformarsi in un buon samaritano. È l'apice del cinismo e del machiavellismo. Sfortunatamente, tuttavia, i media mainstream hanno diffuso un'immagine completamente distorta dei bisogni del popolo venezuelano e della "cattiveria" di Maduro nel non accettare gli aiuti degli Stati Uniti. Perché la stampa non dice che il Venezuela ha chiesto e ricevuto aiuto dalle Nazioni Unite, che ha chiesto e ricevuto aiuto da Cina, India, Turchia, Cuba, Russia, che le spedizioni di 933 tonnellate, poi 300 tonnellate poi altre 7,5 tonnellate negli alimenti, nelle medicine e nelle forniture mediche sono arrivate e sono state distribuite nelle ultime 3 settimane? Forse perché questo era un aiuto umanitario offerto in buona fede e senza vincoli. L'aiuto degli Stati Uniti è un frutto velenoso.
 

Nelle immagini del 23 febbraio si è visto come presente alle attività illecite al confine ci fosse anche un marine statunitense che in passato aveva già svolto il ruolo di “addestratore”. Considerando che in Siria hanno combattuto terroristi e mercenari da 89 paesi diversi, da quali paesi principalmente crede potranno affluire quei mercenari denunciati da Arreaza e Moncada?
 
Gli Stati Uniti fanno affidamento su mercenari di molti paesi dell'America Latina - negli Stati Uniti ci sono pochi soldi per migliorare scuole e assistenza sanitaria - ma ci sono molti soldi per le attività di sovversione e destabilizzazione. I bilanci della CIA e del Pentagono sono illimitati e gli Stati Uniti utilizzeranno anche "società di sicurezza private" come copertura per attività mercenarie.
 

A distanza di diversi giorni i media non hanno ancora smentito la bufala di “Maduro avvelena il deputato in Colombia” e “Maduro fa bruciare i camion degli aiuti” nonostante le prove fattuali presentate.
 
La guerra psicologica è a volte più efficace di qualsiasi avventura militare. Da un certo punto di vista Trump ha ragione - la CNN è davvero fake news, ma anche Fox, il New York Times, il Washington Post, il Wall Street Journal, ecc. I media mainstream negli Stati Uniti - ma anche nel Regno Unito, in Francia, in Spagna, in Germania serve i suoi padroni, i conglomerati e le corporazioni transnazionali che li possiedono. Ho rinunciato a sperare che la stampa corregga qualsiasi cosa - o se stessa. L'unica opzione per noi è cercare di leggere quante più fonti di informazione - anche i media alternativi. L'articolo 19 del Patto sui diritti civili e politici stabilisce non solo il diritto alla libertà di opinione, ma anche il diritto di accesso alle informazioni. Questo diritto viene violato dagli Stati Uniti e da molti altri paesi, in cui l'accesso alle informazioni è frustrato non solo dalla censura ma anche dalle intimidazioni e dall'autocensura che ne deriva, dalla legislazione "incitamento all'odio" che viene abusata in modo classico orwelliano e dalla crescente censura di internet, facebook e twitter.

A.B.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa