Iran: "Se gli USA non abbandoneranno il Medio Oriente li costringeremo a partire"

Iran: "Se gli USA non abbandoneranno il Medio Oriente li costringeremo a partire"

Il consigliere per gli affari internazionali del leader iraniano, Ali Akbar Velayati, afferma che alla fine le forze statunitensi saranno costretti a lasciare la Siria e l'Iraq.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Se gli americani non lasceranno il Medio Oriente, li costringeremo a partire", ha avvertito Ali Akbar Velayati Consigliere per gli affari esteri della Guida suprema dell'Iran, al Valdai Discussion Debate Club in Russia.


 
Il consigliere del leader iraniano ha fatto riferimento alla richiesta di Washington di ritirare l'Iran dalla Siria e dall'Iraq, affermando che Teheran non è venuto in questi due paesi su richiesta degli Stati Uniti e meno per agire secondo la loro volontà.
 
"I consiglieri militari iraniani lasceranno la Siria solo se le autorità di questo paese dicono che non ne hanno bisogno ... Penso che una volta ci saremo ritirati e poi anche la Russia si ritirerà, i terroristi torneranno", ha aggiunto.
 
L'alto funzionario iraniano ha anche reagito alle affermazioni del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sottolineando che le politiche dell'Iran e "la sua presenza in Siria non hanno nulla a che fare con Israele".
 
In un'altra parte delle sue dichiarazioni, Velayati ha rivelato un progetto della Casa Bianca per dividere i territori iracheno e siriano spiegando "gli Stati Uniti cercano di dividere l'Iraq in tre parti e la Siria in cinque parti."
 
Dall'inizio della crisi siriana nel 2011 e dell'Iraq nel 2014, l'Iran ha fornito consulenza militare e aiuti umanitari a questi due paesi. Damasco e Baghdad hanno più volte ringraziato l'Iran per il suo sostegno.
 
Le autorità irachene, così come quelle siriane, hanno applaudito il ruolo di Teheran e dei consiglieri militari del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche iraniane (IRGC) nello sradicamento del terrorismo dai loro rispettivi paesi.
 

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti