/ Iran, un pretesto per creare caos? Un morto e vari feriti nelle p...

Iran, un pretesto per creare caos? Un morto e vari feriti nelle proteste contro i rincari della benzina

 

Alcuni manifestanti hanno danneggiato la sede di compagnia petrolifera e cercato di incendiare i suoi serbatoi nel corso di alcune proteste, iniziate in maniera pacifica

Ieri, una persona è morta e molte sono rimaste ferite durante le proteste contro l'aumento del prezzo della benzina a Sirjan, regione di Kerman,, secondo i media iraniani.

 
Secondo il governatore ad interim di questa città, Mohammad Madmoudabadi, è stata aperta un'indagine per chiarire se la vittima è stata colpita o meno da un colpo di arma da fuoco. Il funzionario sottolinea che alle forze dell'ordine non era permesso usare le loro armi da fuoco contro i manifestanti e che potevano sparare solo colpi di avvertimento.
 
Madmoudabadi ha spiegato che è stato un atto tranquillo fino a quando un piccolo gruppo di persone non ha iniziato a danneggiare l'arredo urbano e le stazioni di servizio e ha cercato di dar fuoco ai serbatoi di carburante di una compagnia petrolifera per "incendiarli". Tuttavia, ha chiarito che le autorità hanno agito in tempo per contrastare l'attacco.

 
Le proteste sono scoppiate ieri dopo che il governo ha istituito un razionamento del gas e aumentato il suo prezzo di almeno il 50%, sostenendo che si tratta di una misura che cerca di "aiutare i cittadini che hanno bisogno di denaro". Pertanto, d'ora in poi i conducenti dovranno pagare $ 0,13 per litro di benzina per i primi 60 rifornimenti al mese, mentre ogni litro aggiuntivo costerà $ 0,71.
 
Queste proteste, come avviene in molte altre parti del mondo, partono da un principio giusto, anche se spesso sono strumentalizzati da agenti esterni per provocare caos e disordine. Inutile fare un elenco dove si è assistito e ancora si assiste ad uno scenario del genere.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa