La crescita dei rendimenti Btp e il "piano Modigliani-Ciampi"

La crescita dei rendimenti Btp e il "piano Modigliani-Ciampi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La continua crescita del rendimento dei BTP ci impone una riflessione.

Nel 1992 Franco Modigliani il Consigliere Aulico per gli Affari Economici di Carlo Azeglio Ciampi propose una strategia di riduzione del nostro debito pubblico incentrata (oltre che sulle privatizzazioni) sulla politiche deflattive (vi ricordate Ciampi che parlava di "moderazione salariale e di concertazione"?) che avrebbero sì reso più gravoso il debito che non aveva più la valvola di sfogo dell'erosione del valore dovuta all'inflazione ma avrebbe consentito anche di avere tassi di interesse più bassi e conseguentemente un costo del servizio del debito pubblico meno gravoso. La cosa ha funzionato per qualche anno, va detto e al 2008 siamo arrivati all'invidiabile traguardo del 100% di rapporto debito/pil. Poi il crack con la crisi del 2007 e 2008 e la conseguente crisi del debito europea del 2011 (vi ricordate dell'arrivo di Monti, vero?).

Da lì ci siamo stabilizzati (si fa per dire) circa sul 135%.

Tanto, ma fondamentalmente tollerabile in considerazione di conti con l'estero sostanzialmente positivi (ricordatevi, nel mondo reale sono l'unica cosa che conta).

Passa qualche anno ed è arrivata la Pandemia (vera o presunta che sia, poco cambia) portando il rapporto debito/pil nel 2020 al 158%. E poi è arrivata la guerra in Ucraina con le conseguenti sanzioni che hanno pergiunta affondato la nostra Bilancia Commerciale e portato l'inflazione a livelli che non si vedevano da 40 anni.

Cosa ne traiamo da questa parabola? La morale è semplice: nella vita le cose capitano. Capitano le crisi finanziarie di livello mondiale, capitano le pandemie, capitano le guerre. Tutte cose che rendono anche i piani meglio congegniati totalmente sbagliati. Come quello di Modigliani-Ciampi. Ecco, il grande errore di questi ultimi è stata la completa mancanza di coscienza storica (strano peraltro per due persone che hanno visto la Seconda Guerra Mondiale, ma è così): le cose capitano e fare dei piani a 50 anni è semplicemente un errore devastante. Risultato finale? Lo vedremo nel corso di qualche mese. Se va bene sarà una catastrofe. Ecco, ora conoscete i nomi di questo disastro: Modigliani, Ciampi ai quali ovviamente va aggiunto Andreatta. E infine Romano Prodi (anche se lui è scusato per manifesta stupidità).

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti