/ La NATO ha usato armi con uranio impoverito negli attacchi alla L...

La NATO ha usato armi con uranio impoverito negli attacchi alla Libia nel 2011

 

Un gruppo di esperti ha scoperto luoghi con alta radioattività in uno dei quartier generali dell'esercito libico, bombardato dalle forze dell'Alleanza atlantica.


La NATO ha usato armi con uranio impoverito durante il bombardamento della Libia nel 2011, secondo un rapporto di un gruppo di scienziati nucleari libici, riferisce RIA Novosti.
 
Il consulente della commissione per l'ambiente e l'Atomic Energy Commission, Nuri al Druk, ha detto all'agenzia che "il rapporto ufficiale, che dimostra l'uso di uranio impoverito da parte della coalizione, è stato consegnato ieri al governo nazionale."
 
Secondo Nuri al Druk, gli scienziati hanno condotto uno studio in una delle sedi dell'esercito libico, bombardata dalle forze dell'Alleanza Atlantica, dove hanno trovato luoghi con alta radioattività. "Dopo aver effettuato misurazioni precise, abbiamo scoperto che la radioattività è il risultato dell'uso di missili NATO con uranio impoverito", ha spiegato l'esperto libico.

 
Al Druk ha annunciato che i suoi colleghi intendono chiedere l'assistenza dell'Agenzia internazionale dell'energia atomica (AIEA) e altre organizzazioni internazionali per svolgere studi approfonditi sulla presenza di uranio in altre parti del paese nordafricano bombardate dalla Coalizione Occidentale.
 
L'uranio naturale è composto da isotopi, il principale dei quali è U-238. L'uranio che rimane dopo la separazione del minerale di uranio dall'isotopo U-235 è chiamato impoverito e viene utilizzato nelle industrie mediche e militari. Esistono prove della capacità di questo tipo di uranio di provocare il cancro e altre gravi malattie.
 
L'uso di queste munizioni da parte della NATO è ben noto durante le guerre in Iraq, ex Jugoslavia, Siria e si aggiunge anche la Libia.
 
Fonte: Ria Novosti
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa