La Russia accusa la Marina britannica di "attacco terroristico" al Nord Stream

La Russia accusa la Marina britannica di "attacco terroristico" al Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Su chi abbia materialmente fatto saltare i gasdotti Nord Stream il mese passato resta il mistero. I paesi coinvolti come Germania, Danimarca e Svezia hanno finora rifiutato di condividere i risultati delle indagini svolte. Mentre la Russia, altra parte in causa, è stata esclusa. 

Adesso però Mosca lancia accuse ben precise. 

Il ministero della Difesa russo ha denunciato che specialisti della marina britannica sono coinvolti negli attacchi contro i gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico. Lanciando così quella che rappresenta la prima accusa formale e diretta rivolta al Regno Unito per il grave incidente che ha messo in dubbio le forniture energetiche dell'Europa.

"Secondo le informazioni disponibili, i rappresentanti di questa unità della Marina britannica hanno partecipato alla pianificazione, alla fornitura e all'attuazione di un attacco terroristico nel Mar Baltico il 26 settembre di quest'anno - facendo esplodere i gasdotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2", ha dichiarato il ministero. 

Da Mosca affermano che esperti britannici che si trovavano nella città di Ochakov, situata in Ucraina, hanno partecipato alla pianificazione, fornitura e attivazione delle esplosioni.

Il ministero della Difesa ha inoltre affermato che gli stessi specialisti britannici hanno preparato "l'attacco terroristico alle navi della Flotta del Mar Nero e alle navi civili" a Sebastopoli perpretato sabato mattina. Il dragamine Ivan Golubets e lo sbarramento della Baia Yuzhnaya hanno subito danni minori nell'attacco, si legge in un comunicato.

Il Ministero della Difesa britannico ha liquidato le dichiarazioni di Mosca come "false".

Nel frattempo, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha dichiarato che Mosca intende portare la questione degli "attacchi" nel Mar Nero e nel Mar Baltico, compreso il coinvolgimento britannico, davanti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Inoltre, Zakharova ha affermato che Danimarca, Svezia e Germania volevano nascondere il coinvolgimento dei servizi segreti britannici negli attacchi al gasdotto. Ha anche ricordato che Mosca ha ripetutamente chiesto a questi Paesi di permetterle di partecipare alle loro indagini sul sabotaggio.

"Il fatto che queste nazioni abbiano rifiutato la nostra richiesta conferma che hanno qualcosa da nascondere. Ora sappiamo esattamente cosa stanno nascondendo”. 

Stoccolma e Copenaghen hanno avviato le indagini perché le esplosioni si sono verificate nelle loro zone economiche esclusive e Berlino perché i gasdotti sono destinati al territorio tedesco.

Secondo il Presidente russo Vladimir Putin, dietro questi attacchi c'è qualcuno "in grado di organizzare tecnicamente le esplosioni e che ha già fatto ricorso a questo tipo di sabotaggio ed è stato colto in flagrante, ma è rimasto impunito". Il presidente ha anche affermato che ora gli Stati Uniti "possono fornire risorse energetiche a prezzi più alti". "Come si dice nelle aziende rispettabili, 'highly likely', tutto è chiaro, è chiaro chi c'è dietro e chi sono i beneficiari", ha aggiunto.

"Gli anglosassoni non si accontentano più delle sanzioni, sono passati al sabotaggio. Incredibile, ma vero. Organizzando esplosioni sui gasdotti internazionali Nord Stream, che corrono lungo il fondo del Mar Baltico, hanno praticamente iniziato la distruzione dell'infrastruttura energetica paneuropea", ha concluso Putin.

La Russia ha infine chiesto perché avrebbe dovuto sabotare le proprie condutture, invece di chiudere il gas se lo avesse ritenuto opportuno. 

 

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti