/ La Russia spiega perché si accusa falsamente Damasco di attaccare...

La Russia spiega perché si accusa falsamente Damasco di attaccare gli ospedali

 
 

RT



Le false accuse sugli "attentati agli ospedali" nella Ghouta Orientale sono arrivate subito dopo che l'esercito siriano si è opposto alla resistenza nei confronti dei gruppi filo-americani. Lo ha dichiarato il ministero della Difesa russo.

"Non appena le autorità siriane hanno dimostrato di resistere ai gruppi  filo-americani, sono emerse le false accuse sui presunti bombardamenti alle strutture mediche della Ghouta orientale insieme alle voci inventate dalle solite strutture di propaganda sull'utilizzo di armi chimiche". Lo ha denunciato il ministero della Difesa.



Chi non rispetta i regolamenti imposti dalla risoluzione 2401 del Consiglio di sicurezza dell'ONU a Ghouta Orientale sono gli Stati Uniti e non la Russia, prosegue il ministero in risposta alle accuse della Casa Bianca.

"Sono stati i gruppi armati da Washington a partire dall'inizio del 2018 ad attaccare tutti i giorni la guarnigione delle truppe del governo siriano a Harasta (Ghouta Orientale), cercando, nonostante gli accordi di Astana, di modificare l'area del confine", ha specificato il ministero russo.

"Stranamente, durante i vari mesi di attacchi da parte dei miliziani non c'è stata alcuna dichiarazione di condanna da parte di Washington o dei partner europei degli Stati Uniti", si legge nella dichiarazione.

Washington non fa nulla per reprimere, nell'ambito della risoluzione 2401, i gruppi armati sotto il suo controllo a Ghouta Orientale, nei cui attacchi contro Damasco cadono ogni giorno civili uccisi. Lo denuncia il Ministero.

Il 26 febbraio, nell'enclave siriana di Ghouta Orientale, è stata dichiarata e promossa da Mosca una tregua umanitaria. A partire da martedì 27 febbraio, tutti i giorni dalle 9:00 alle 14:00 è aperto un corridoio umanitario in modo che i civili possano lasciare l'area situata alla periferia di Damasco. I primi giorni di tregua furono tuttavia ostacolati dai gruppi armati.



Nel frattempo, la città di Aleppo, che è stata liberata più di un anno fa, sta tornando alla normalità. "Ripartono le imprese, sono in fase di costruzione le case distrutte dai terroristi, sono aperti i mercati, i negozi, le istituzioni sociali ed educative", ha sottolineato il ministero russo, aggiungendo che questa città siriana "è aperta ai visitatori" .




Questa situazione "contrasta drasticamente" con lo stato "tra la vita e la morte, senza speranza di ricevere aiuto" in cui si trovano i cittadini di Raqqa, "liberati" dalla coalizione statunitense, dove si trova il campo profughi di Rukban nella zona di Al-Tanf.



(Traduzione de l'AntiDiplomatico)
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa