DIFESA E INTELLIGENCE/La Russia sviluppa nuovi radar per rilevare obiettivi ipersonici

La Russia sviluppa nuovi radar per rilevare obiettivi ipersonici

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Gli specialisti russi stanno sviluppando una nuova stazione radar Nioby per truppe radio-tecniche che saranno in grado di rilevare obiettivi ipersonici a grande distanza, ha affermato il colonnello generale comandante della forza aerospaziale Sergei Surovikin.

 

"Sono in corso lavori per sviluppare una nuova stazione radar Nioby per truppe radio-tecniche che utilizzano gli ultimi componenti. Le caratteristiche tecniche del sistema radar supereranno le capacità del radar Nebo-M operativo per la gamma di rilevamento di vari tipi di aeromobili, compresi obiettivi ipersonici", ha dichiarato il generale in un'intervista pubblicata sul giornale Krasnaya Zvezda del Ministero della Difesa.

 

Negli ultimi cinque anni, le stazioni radar prefabbricate del sistema di allarme rapido missilistico sono state messe in servizio di combattimento nelle città di Orsk, Barnaul e Yeniseisk insieme al sistema di avvistamento ottico di controllo dello spazio Pritsel, al sistema laser speciale Peresvet e al primo Il radar container-3M sopra l'orizzonte, ha detto.

 

Il radar oltre l'orizzonte che è andato in servizio di combattimento nella Repubblica di Mordovia nell'area del Volga ha assicurato il controllo dello spazio aereo su tutto il territorio dell'Europa e del Medio Oriente, che ha notevolmente allungato il tempo di prendere decisioni sulle misure di risposta, ha detto il generale.

 

"Inoltre, lo spiegamento di truppe radio-tecniche nelle isole e negli arcipelago dell'Artico ha permesso di estendere il campo radar alle latitudini dell'Artico", ha affermato.

 

Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa