/ Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israel...

Nasrallah: Possiamo distruggere le piattaforme petrolifere israeliane nel giro di poche ore

 

Il segretario generale di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah ribadisce che la presenza degli USA nella regione è data dalla volontà di impadronirsi delle risorse naturali.


In occasione della ricorrenza del martirio di due leader del Movimento di resistenza libanese Hezbollah, il segretario generale dell'organizzazione, Hassan Nassrallah ha avvertito che "c'è una battaglia per il petrolio e il gas guidata da Washington dall'est dell'Eufrate attraverso Iraq, Qatar e infine il Golfo "aggiungendo che "l'unica forza che il popolo libanese ha in questa battaglia è la resistenza che può fermare le piattaforme petrolifere israeliane in poche ore se lo vuole."
 
Per Nasrallah, "l'intera regione è al centro della battaglia per il petrolio e il gas", sottolineando che "il dossier petrolifero del Libano non è una questione separata dalla regione nel suo complesso."
 
Per il leader di Hezbollah "la presenza dell'occupazione statunitense in Siria è motivata dai pozzi di petrolio e gas situati a est dell'Eufrate".
 
Nello stesso contesto, ha osservato che "Amministrazione Trump in Iraq non vuole che il suo petrolio e tutte le posizioni sono motivate ??da ambizioni puramente legate al petrolio."
 
Sulla ricchezza petrolifera del Libano, Nasrallah ha insistito sul fatto che "questa ricchezza appartiene a tutti i libanesi (...) questa ricchezza mette il paese sulla buona strada di un'economia promettente".

 
Il segretario generale di Hezbollah ha aggiunto che "il principale conflitto con il nemico israeliano non è legato ai confini terrestri, ma marittimi e questo deve essere preso in considerazione", avvertendo che "lo stato libanese deve armarsi con la sua unità in difesa della sua ricchezza petrolifera, questo è il fattore più importante che garantisce la vittoria in questa battaglia".
 
Secondo il segretario generale di Hezbollah, "lo stato libanese deve trattare questo problema in termini di forza e non di debolezza, sapendo che la forza del Libano è la sua unità".
 
Per quanto riguarda l'abbattimento dell'F-16 israeliano da parte della contraerea siriana, il segretario generale di Hezbollah ha descritto l'operazione come "impresa militare strategica in quanto vi è un prima e dopo questa operazione."
 
Sulla questione palestinese, il segretario generale di Hezbollah definito il martire Ahmed Jarrar e la ragazza Ahd Al-Tamimi "modelli gloriosi della resistenza palestinese su cui possiamo contare nella prossima vittoria."
 
Riguardo alla commemorazione della vittoria della rivoluzione islamica, Sayyed Hassan Nasrallah ha espresso "il suo orgoglio per la Repubblica islamica dell'Iran, che sostiene le cause e i diritti degli arabi."
 
Fonte: Al Manar
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa