Lavrov: c'erano almeno 6 caccia F-35 in volo dopo l'attacco dell'Iran alle basi statunitensi

Lavrov: c'erano almeno 6 caccia F-35 in volo dopo l'attacco dell'Iran alle basi statunitensi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo il ministro degli Esteri russo, l'Iran si aspettava un altro attacco dagli Stati Uniti, ma questa informazione non è stata ancora verificata.

 

"Ci sono informazioni secondo cui gli iraniani attedendevano un altro attacco da parte degli Stati Uniti, non sapevano come, ma nel cielo almeno sei F-35 furono individuati proprio al confine con l'Iran. Ma penso che queste informazioni dovrebbero essere verificate di nuovo".

 

Lavrov ha ribadito che la tragedia è stata causata da un errore umano, la demolizione non è stata intenzionale.

 

"Questo è un errore umano. A mio avviso, tutti hanno già capito che non era intenzionale e che richiede un risarcimento, è un diritto dei membri della famiglia. Penso che la parte iraniana prenderà in considerazione questi appelli. Hanno ammesso che ciò è accaduto per errore", ha detto Lavrov in risposta a una domanda di un giornalista del The Independent.

 

L'8 gennaio, l'esercito iraniano ha bombardato due basi usate dai militari statunitensi in Iraq con missili, come rappresaglia per la morte del generale Qasem Soleimani, comandante della forza Quds della Guardia Rivoluzionaria dell’Iran, ucciso il 3 gennaio dagli Stati Uniti attraverso un attacco con droni a Baghdad.

 

Diverse ore dopo l'attacco alle basi, la difesa antiaerea dell'Iran ha abbattuto un Boeing 737-800 della Ukraine International Airlines che era appena decollato con 176 persone a bordo dell'aeroporto di Teheran diretto a Kiev.


Le vittime dell'incidente - 167 passeggeri e nove membri dell'equipaggio - erano cittadini di Iran, Canada, Ucraina, Germania, Afghanistan e Svezia.

 

L'11 gennaio, lo stato maggiore iraniano ha ammesso che l'aereo ucraino è stato abbattuto per errore umano, dopo che un operatore lo aveva preso per un obiettivo nemico che si era avvicinato troppo a un'importante installazione militare.

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti