/ Lavrov: I terroristi in Siria e Iraq hanno tecnologie per creare ...

Lavrov: I terroristi in Siria e Iraq hanno tecnologie per creare armi chimiche

 

Il ministro degli Esteri russo si rammarica del fatto che alcuni paesi occidentali scelgano di "chiudere un occhio" sui casi di uso e fabbricazione di armi chimiche da parte dei terroristi.


Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che i terroristi in Siria e Iraq hanno tecnologie che consentono loro di fabbricare sostanze tossiche da usare nei loro armamenti, ha riferito 'RIA Novosti'. Queste dichiarazioni sono state rilasciate dal capo della diplomazia russa durante una sessione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla non proliferazione delle armi di distruzione di massa.
 
Lavrov ha sostenuto che i terroristi non solo usano queste sostanze tossiche e chimiche, ma "hanno anche tecnologie e capacità produttive per produrre sostanze tossiche da combattimento ". Il ministro ha avvertito che i terroristi "hanno messo in moto un'ampia rete di accesso ai precursori" di queste sostanze chimiche.

 
Il diplomatico ha espresso grande preoccupazione per "la crescente minaccia del terrorismo chimico" in Medio Oriente, in particolare nel territorio di Iraq e Siria". A questo proposito, ha ricordato che nel corso degli ultimi tre anni, Mosca si è ripetutamente espresso a favore dell'adozione di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza, o almeno una dichiarazione presidenziale di condanna casi di terrorismo chimico in questi due paesi.
 
Lavrov ha deplorato il fatto che alcuni paesi occidentali scelgono di "chiudere un occhio per i casi d'uso e anche armi chimiche da parte dei terroristi, mentre pronunciano accuse infondate contro Damasco."
 
Fonte: RIA Novosti
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa