/ Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fu...

Lavrov: "La Russia esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria"

 

La Russia è preoccupata per le azioni degli Stati Uniti che mirano alla "disintegrazione della Siria".


La Russia "esorta gli Stati Uniti a non giocare con il fuoco in Siria e a calibrare attentamente i suoi passi", ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov durante il suo discorso all'apertura della Conferenza internazionale del Club Valdái a Mosca.
 
"Esorto ancora una volta i nostri colleghi americani a non giocare con il fuoco e valutare i loro passi, non basati sui bisogni immediati dell'attuale situazione politica, ma sugli interessi a lungo termine del popolo siriano e di tutti i popoli della regione, tra cui i curdi ", ha aggiunto il ministro russo.
 
Il forum sul tema "Russia in Medio Oriente: un ruolo in tutti i campi" si svolgerà tra oggi e domani nella capitale russa. Tra i partecipanti all'evento ci sono il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, il vice inviato speciale dell'ONU per la Siria, Ramzi Izz Eddin Ramzi, nonché il consigliere del presidente siriano Bouthaina Shaaban.
 
Russia, preoccupata per i tentativi di "disintegrare la Siria"
 
Inoltre, Lavrov ha indicato che la Russia è preoccupata dei tentativi di "disintegrare la Siria". "Queste preoccupazioni derivano dal conoscere i piani che gli Stati Uniti che stanno iniziando a svolgere sul campo, principalmente a est dell'Eufrate, nei vasti territori che si trovano tra questo fiume e i confini esterni della Siria con l'Iraq e la Turchia" ha spiegato.
 
Dubbi sulla volontà degli Stati Uniti di combattere contro il fronte di Al Nusra
 
Il ministro degli Esteri russo ha affermato nel suo discorso che "crescono i dubbi che la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti abbia la seria intenzione di combattere contro il Fronte Nusra" in Siria.

 
Il capo della diplomazia russa ha sottolineato che il Fronte Al Nusra non ferma le provocazioni. "Da Ghouta Orientale, in particolare, i quartieri residenziali di Damasco, tra cui l'ambasciata e la missione commerciale russa, sono attaccati, ma i nostri partner occidentali, per qualche ragione, preferiscono costruire storie in queste due aree, Idlib e Est Ghouta, senza menzionare direttamente quello che succede lì, e le ragioni sono le provocazioni armate del Fronte al Nusra", ha osservato.
 
La questione di Israele
 
La decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele è dovuta in gran parte alla tendenza anti-iraniana e potrebbe aggravare la situazione nella regione, ha evidenziato Lavrov.
 
Come ha sottolineato, "non siamo d'accordo con i tentativi di contemplare alcun problema regionale attraverso il focus della lotta contro l'Iran". "Questo si è visto in Siria, nello Yemen e anche negli ultimi eventi che circondano il problema palestinese, incluso l'annuncio di Washington della sua decisione di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, è dettata in gran parte dalla stessa tendenza anti-iraniana", ha sottolineato.
 
Allo stesso tempo, il cancelliere russo ha ribadito che Mosca considera inaccettabili "le affermazioni secondo cui Israele come entità sionista deve essere distrutta, cancellata dalla faccia della terra".
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa