Lavrov spiega la principale differenza su come Russia e Stati Uniti trattano gli altri paesi

Lavrov spiega la principale differenza su come Russia e Stati Uniti trattano gli altri paesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

A differenza dei paesi occidentali, Mosca non intende mai tenere lezioni ai suoi partner stranieri su come vivere, ha dichiarato ieri il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in un'intervista al quotidiano russo Argumenty i Facty.

"Non abbiamo un'agenda nascosta. Non usiamo doppi standard. Costruiamo l'interazione interstatale sui principi del diritto internazionale, dell'uguaglianza, del rispetto reciproco e della considerazione degli interessi" di ciascuna parte, ha sottolineato Lavrov. Ha aggiunto che questo "approccio costruttivo" fa appello a "tutti i paesi normali".

Secondo il capo della diplomazia russa, l'Occidente sta cercando di convincere gli Stati africani a non partecipare al vertice Russia-Africa, previsto per luglio. Tuttavia, il successo di tali tentativi non è garantito, ha ribadito, osservando che la Russia ha "molto da offrire ai nostri amici africani, anche nel campo della sicurezza nazionale e nel soddisfare le loro esigenze in campo umanitario". A questo ha aggiunto che "gli Stati africani sono interessati alla partecipazione della Russia alla preparazione del loro personale professionale".

Per quanto riguarda il vertice stesso, Lavrov ha spiegato che nell'ambito di questo incontro si dovrebbe "affrontare la partecipazione della Russia a progetti dei paesi africani come la digitalizzazione, lo sviluppo energetico, l'agricoltura e l'estrazione di risorse minerarie, nonché la sicurezza alimentare ed energetica", sottolineando che l'elenco non è esaustivo.

"La colpa è della stessa Ue, che ha 'perso' la Russia"

Il cancelliere ha affrontato anche il tema dei rapporti con l'Ue. Per Lavrov, il deterioramento è colpa del blocco, che ha "perso" Mosca per aver tentato di "sconfiggere strategicamente" la Russia. "Iniettano armi e munizioni nel regime criminale di Kiev, inviano istruttori e mercenari in Ucraina. Per questi motivi, percepiamo l'UE come un'unione ostile", ha spiegato.

Ha ricordato che Mosca ha tratto le necessarie conclusioni al riguardo. "In risposta a misure ostili, agiremo duramente se necessario, guidati dagli interessi nazionali della Russia e dal principio di reciprocità, universalmente riconosciuto nella pratica diplomatica". Se l'UE abbandona il suo corso politico antirusso e opta per un "dialogo reciprocamente rispettoso", Mosca considererà le sue proposte e adotterà misure in linea con i suoi interessi nazionali, ha assicurato Lavrov.

Inoltre, il ministro russo ha definito la visita di stato del presidente cinese Xi Jinping a Mosca "una pietra miliare fondamentale nella storia moderna delle relazioni russo-cinesi" e "una prova del livello senza precedenti e del carattere speciale dell'interazione.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti