/ Le pistole "flash ball" simbolo della brutalitÓ della polizia con...

Le pistole "flash ball" simbolo della brutalitÓ della polizia contro i "Gilet gialli" in Francia

 

L'uso della pistola che spara proiettili di gomma per disperdere le proteste dei "Gilet Gialli" Ŕ vietato nella maggior parte dei paesi europei.


Attivisti della Lega francese per i diritti umani (LDH) hanno inviato un appello questa settimana al Consiglio di Stato per chiedere l'interdizione all'uso della "flash ball" (LBD) da parte della polizia, le pistole che sparano proiettili di gomma, contro i manifestanti. "La mancanza di sufficienti garanzie nella legge francese mina il diritto costituzionale alla vita e il rispetto per la sicurezza fisica", hanno sostenuto.
 
In precedenza, il Consiglio di Stato ha respinto le richieste dei difensori dei diritti umani, dichiarando che il proiettile flash ball è necessario e "particolarmente adeguato" per contrastare la violenza durante le proteste.
 
Arma urbana
 
Descritti come "meno letali" o "non letali", queste armi, sviluppate dall'azienda francese Verney-Carron, possono causare gravi lesioni e sono proibite per l'uso della polizia durante le proteste nella maggior parte dei paesi europei. Il modello attuale, LBD 40, spara proiettili da 40 mm con una velocità fino a 100 metri al secondo.
 
Secondo uno studio del 2006, sebbene siano progettati per prevenire la penetrazione nella pelle, la "flash ball" "può anche causare gravi lesioni con gravi lesioni associate negli organi interni".
 
Un altro studio del 2015 si è concentrato sul caso di un uomo di 34 anni che è stato colpito alla testa durante una protesta. L'uomo ha subito lesioni cerebrali "gravi" e danni al cranio, che ha richiesto due mesi di cure e riabilitazione. I ricercatori hanno descritto la flash ball come "potenzialmente letale" e pericolosa, specialmente se puntata alla testa.
 
Questa arma "meno letale" è stata usata durante le rivolte del 2005 a Parigi, e nel corso degli anni diverse persone sono morte dopo l'impatto dei loro proiettili. Nel 2010 morì Mustapha Ziani, che ha subito un arresto cardiaco dopo che un poliziotto gli ha sparato al petto con una flash ball durante un alterco nella sua casa di Marsiglia. L'agente ha ricevuto una sospensione condizionale di sei mesi per omicidio colposo.
 
Il sangue dei "Gilet gialli"
 
Da quando le massicce proteste anti-governative dei "Gilet gialli" sono scoppiate in Francia nel novembre dell'anno scorso, la polizia ha usato la "flash ball" più di 9.200 volte. Gli scontri hanno provocato numerosi feriti da entrambe le parti. Nelle recenti proteste i francesi sono scesi in piazza per denunciare l'uso di queste armi, che sono diventate il simbolo della brutalità della polizia.
 
Secondo il gruppo contro la violenza della polizia, Désarmons-les!, Almeno 20 persone hanno perso la vista a causa dell'impatto della pallottola o delle schegge di granata.
Il gruppo ha documentato più di 120 persone che affermano di essere state ferite da armi "meno letali", per lo più da LBD 40 o granate istantanee di gas lacrimogeno GLI-F4. Molti di loro sono rimasti con facce sfigurate.
 
Uno dei "volti" della brutalità della polizia durante le proteste dei "Gilet gialli" è Fiorina L., 20 anni, che ha perso l'occhio sinistro dopo un'esplosione di una granata a gas sul viale parigino degli Champs-Elysees lo scorso dicembre.
 

 
Un altro manifestante, Jérôme Rodrigues, una figura di spicco nelle proteste è stato colpito agli occhi da un proiettile e potrebbe perderlo, ha detto a RT che i francesi scendono in piazza con tre richieste generali: "Poter vivere con dignità" del loro stipendio, "creare un nuovo forma di democrazia "per porre fine all'attuale" sistema arcaico nelle istituzioni francesi "e" porre fine ai privilegi "della classe dominante.
 
"Perché un deputato può seppellire la sua famiglia degnamente e avere abbastanza soldi per quello, mentre noi dobbiamo chiedere un prestito, la gente grazie alla quale la Francia esiste e si sviluppa? E siamo costretti a soffrire per fare funerali" ha commentato Jérôme.
 
Fonte: RT - Le Monde -https://desarmons.net/ - https://journals.sagepub.com - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa