World Affairs/Lukashenko: i poteri globali usano la pandemia come copertura per...

Lukashenko: i poteri globali usano la pandemia come copertura per promuovere i loro interessi

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko in occasione del suo discorso annuale al popolo bielorusso e all'Assemblea Nazionale ha denunciato che le potenze mondiali usano la pandemia come una cortina di fumo per far avanzare in modo aggressivo i loro interessi, scrive l’agenzia BelTA.

 

“La pandemia ha messo a nudo tutti i problemi sistemici. E’ diventata una copertura per il progresso senza tante cerimonie da parte delle maggiori potenze globali della loro politica estera, degli scambi e degli interessi economici. Usano tutti i tipi di metodi; non si fermano davanti a nulla”, ha affermato Lukashenko. 

 

Il leader bielorusso ha dichiarato che le più grandi economie del mondo si sono impegnate in uno scontro spietato su tutti i fronti. Questi sono gli Stati Uniti d'America che negli ultimi decenni sono stati praticamente il leader mondiale per eccellenza e la Cina che è entrata nell'élite mondiale e sta spingendo per una vera multi-polarità. L'Unione Europea e la Russia non si sono messe da parte poiché hanno cercato di svolgere un ruolo importante. "In altre parole, l'intero pianeta è in subbuglio, e questo quando Giappone, Corea, Brasile e India, così come il mondo arabo e un certo numero di altre grandi economie non hanno ancora acquistato peso”. 

 

Secondo il presidente, il mondo intero è precipitato nel caos delle guerre commerciali, del protezionismo nazionale e di una guerra dell’informazione. Le strutture di integrazione stanno attraversando una crisi fondamentale, mentre alcune sono crollate e continuano a esistere solo sulla carta, ha osservato. La Brexit è stata un potente indicatore di questo processo nell'UE, così come l'aggravarsi dei disaccordi tra la vecchia e la nuova Europa all'interno dell'Unione Europea. 

 

“Le tensioni stanno aumentando nel campo militare, il che spinge le nazioni a un nuovo ciclo di corsa agli armamenti. Pensateci: oltre un terzo dei paesi è coinvolto in conflitti militari direttamente o indirettamente. Quando ci pensate, vi rendete conto che il nostro pianeta si sta avvicinando ad un abisso lentamente ma costantemente. Sembra che basti un solo scontro per dare fuoco all'intero pianeta", ha detto il presidente.

 

Secondo Aleksandr Lukashenko, la cosa peggiore è che gli strumenti politici multilaterali legali internazionali degli insediamenti di crisi di cui i paesi erano così orgogliosi durante la guerra fredda sono considerati degli anacronismi e sono ignorati da tutti. “Le élite al potere globali non sono state in grado di elaborare nuovi meccanismi, sfortunatamente. Politici sensibili lamentano vocalmente un netto deficit di un dialogo significativo nelle relazioni internazionali. Ma non vengono ascoltati”, ha aggiunto Aleksandr Lukashenko.

 

Rapporti con la Russia

 

Mosca sarà sempre il più stretto alleato di Minsk, non importa chi sia al potere, ha dichiarato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko nel suo discorso alla nazione e al parlamento in vista delle elezioni presidenziali, riporta l’agenzia TASS

 

Ha criticato la Russia per aver optato per le relazioni di "partenariato" anziché "fraterne". Nel frattempo, la stessa Russia ha paura di "perdere la Bielorussia" dal momento che "non sono rimasti" alleati veramente stretti ", ritiene il presidente.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa