Lukashenko: "se gli europei vogliono, la pace in Ucraina può essere raggiunta in pochi giorni"

Lukashenko: "se gli europei vogliono, la pace in Ucraina può essere raggiunta in pochi giorni"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

MINSK, 30 settembre - RIA Novosti. La pace in Ucraina può essere raggiunta in pochi giorni se gli europei la vogliono sinceramente, ha dichiarato il presidente bielorusso Alexander Lukashenko.

Il leader bielorusso ha ricevuto le credenziali dagli ambasciatori di Emirati Arabi Uniti, Argentina, Benin, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Cuba, Ordine di Malta, Myanmar, Palestina, Sudan e Svizzera.

"Se gli europei lo vogliono sinceramente, la pace può essere raggiunta in pochi giorni", ha dichiarato Lukashenko all'agenzia bielorussa Sputnik.

Ha esortato i Paesi europei a rinsavire e a fare tutto il possibile per portare la pace nella regione.

"Avendo perso ogni terzo durante il genocidio nazista, i bielorussi, come nessun'altra nazione al mondo, apprezzano molto la vita umana. Ogni vita umana!" ha osservato il capo di stato. ", in Ucraina, un conflitto militare è infuocato, abbiamo sempre farsi avanti e continuare a proporre iniziative di pace nell'arena internazionale. Consideriamo il conflitto tra popoli fraterni un'enorme tragedia. È il risultato diretto di intrighi strategici e della più grande stupidità, soprattutto dei politici occidentali".

"Oggi parlano molto di questo conflitto. Allo stesso tempo, molte persone dicono che vorrebbero la pace su questa terra. Soprattutto gli europei, perché questo conflitto è nella nostra casa europea. E se gli europei lo vogliono sinceramente, la pace può essere raggiunto in pochi giorni Ancora una volta lo dichiaro e avverto gli europei: ripensateci e fate di tutto per garantire che ci sia pace su questa terra", ha esortato il leader bielorusso.

--------------------------------------

Lo scambio mortale in atto in Libia nell'ultimo libro di Michelangelo Severgnini

ACQUISTA: "L'URLO: SCHIAVI IN CAMBIO DI PETROLIO"



Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti