Mosca? No Parigi: proteste contro i tagli dei posti di lavoro e la legge sulla sicurezza

Mosca? No Parigi: proteste contro i tagli dei posti di lavoro e la legge sulla sicurezza

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

I nostri media si sono astenuti di fare il minimo cenno, tutti concentrati sui 4 gatti che in Russia hanno manifestato a favore di Alexei Navalny, definito principale oppositore di Putin pur avendo un partito che in termini di consensi potremmo paragonarlo al nostro Partito dei Pensionati.

Tagli ai posti di lavoro e le legge sulla sicurezza globale sono stati i temi delle proteste di oggi a Parigi che ha visto insieme sindacati e Gilet Gialli.

 

Altri eventi sono stati organizzati in Francia, come Vannes , Rennes  o Marsiglia Il disegno di legge globale sulla sicurezza è  stato adottato in prima lettura dall'Assemblea nazionale e gdovrebbe essere esaminato dal Senato a marzo. I suoi oppositori chiedono in particolare il ritiro del suo articolo 24, che vieta la diffusione di immagini di membri delle forze di sicurezza con l'intenzione di nuocere alla loro integrità "fisica o mentale" - un articolo di cui la maggioranza presidenziale ha annunciato l'intera riscrittura. Oltre a denunciare anche il "riciclaggio" nell'articolo 18 del disegno di legge sul "separatismo".

Gli oppositori del Comprehensive Security Bill chiedono anche il ritiro degli articoli 21 e 22 relativi all'uso di telecamere pedonali e droni da parte della polizia, nonché l'abolizione del nuovo Piano nazionale per il mantenimento della sicurezza. ”Ordine (SNMO).

Il rappresentante sindacale della Polizia di Vigi, Noam Anouar, si è detto contrario su RT France al Global Security Act perché “la sicurezza dei nostri concittadini deve rimanere una missione sovrana dello Stato e la polizia deve poter lavorare in piena trasparenza, senza paura di "essere filmato o scoperto". "Più passa il tempo, più persiste l'idea che questo governo non cederà", lamenta.

Il segretario del comitato economico e sociale TUI France Lazare Razkallah ritiene che "quando si danno soldi a un'azienda in difficoltà [...] in cambio, non bisogna licenziare!" Ricorda che in Francia il gruppo TUI ha ricevuto circa cento milioni di euro di aiuti di Stato ma licenzia i lavoratori.

Queste alcune voci di questa manifestazione. Effettivamente potevano trovare cittadinanza sui nostri media?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

I silenzi di Draghi letti con la lente di Sciascia di Paolo Desogus I silenzi di Draghi letti con la lente di Sciascia

I silenzi di Draghi letti con la lente di Sciascia

Covid-Amazon: altro blocco per il nuovo libro del Prof. Tarro di Francesco Santoianni Covid-Amazon: altro blocco per il nuovo libro del Prof. Tarro

Covid-Amazon: altro blocco per il nuovo libro del Prof. Tarro

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile di Giuseppe Masala Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

Il governo Draghi nasce già vecchio e inutile

La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini di Antonio Di Siena La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini

La sovranità sarà anche "solitudine" ma ti fa avere i vaccini

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti