/ Movimento dei Paesi Non Allineati (NAM) contro le provocazioni di...

Movimento dei Paesi Non Allineati (NAM) contro le provocazioni di Israele e il suo disprezzo per le risoluzioni Onu

 
Nel pieno esercizio della presidenza pro tempore del Movimento dei Paesi Non Allineati (NAM), il rappresentante permanente della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso le Nazioni Unite, l'ambasciatore Samuel Moncada, ha partecipato al Dibattito Trimestrale del Consiglio di Sicurezza sulla "Situazione in Medio Oriente e la questione palestinese".

Dalla sede delle Nazioni Unite nella città di New York, l'ambasciatore Moncada ha detto che "di fronte la situazione critica attuale e le scarse prospettive di pace, a seguito delle azioni provocatorie e unilaterali adottate di recente da Gerusalemme in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza, il Movimento dei non allineati (NAM) coglie l'occasione per riaffermare la sua solidarietà permanente con il popolo palestinese, così come il suo sostegno costante alla sua giusta causa ".

Ha anche evidenziato che la MNOAL si impegna a intensificare gli sforzi internazionali per trovare una soluzione giusta, pacifica e duratura alla questione palestinese, in conformità con le risoluzioni delle Nazioni Unite.

In questo senso, il coordinatore nazionale della MNOAL ha affermato che il movimento ribadisce che "l'attuale occupazione israeliana e il conflitto israelo-palestinese continuano a costituire una seria minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali, e richiede un'attenzione e una soluzione urgente, in conformità con il diritto internazionale, le risoluzioni pertinenti delle Nazioni Unite e, naturalmente, con la Carta delle Nazioni Unite".

L'ambasciatore Samuel Moncada ha indicato a nome del Movimento la necessità che il Consiglio di Sicurezza adempia alle proprie responsabilità derivanti dalla Carta delle Nazioni Unite sulla questione palestinese, e quindi adottare misure per difendere le proprie risoluzioni, che sono giuridicamente vincolanti per tutti gli stati membri dell'organizzazione e costituiscono le basi di una soluzione giusta, pacifica e duratura del conflitto.

Allo stesso modo, il Movimento dei Paesi Non Allineati ha ricordato le responsabilità del Consiglio di Sicurezza e dell'Assemblea Generale nel caso israelo-palestinese, così come recentemente ribadito nella risoluzione 2334 (2016) del Consiglio di Sicurezza e ha chiesto che tutte le risoluzioni, referenti al caso, siano rispettate.

"Le provocazioni, le azioni unilaterali e l'intensificazione delle tensioni sono totalmente incompatibili con la ricerca della pace e non possono essere razionalizzate, né tanto meno accettate. Ovviamente il disprezzo nei confronti del Consiglio di sicurezza e il mancato riconoscimento delle risoluzioni delle Nazioni Unite aggrava la situazione con conseguenze ancora più gravi, e dovremmo evitarlo (...) La MNOAL esprime la sua preoccupazione per i recenti sviluppi nel territorio palestinese occupato, compresa Gerusalemme est, in particolare dopo la decisione unilaterale di alcuni governi di trasferire le loro ambasciate in Israele nella città di Gerusalemme ".



Il Movimento dei Paesi non allineati ha ribadito che qualsiasi tentativo di alterare il carattere, lo stato e la composizione demografica della Città di Gerusalemme è nullo e privo di effetti giuridici; allo stesso modo respinge le azioni unilaterali adottate da alcuni governi di trasferire le loro ambasciate in Israele nella città di Gerusalemme.

"Il Movimento dei Paesi Non Allineati condanna fermamente le recenti decisioni provocatorie da parte di Israele, potenza occupante, a proseguire le sue attività di colonizzazione, incorrendo in una grave violazione del diritto internazionale e in una violazione diretta e deliberata delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite Uniti, inclusa la risoluzione 2334 (2016) del Consiglio di sicurezza", ha affermato.

Il Movimento ha esortato Israele a togliere il blocco nella Striscia di Gaza esistente da più di 10 anni che ha provocato indicibili sofferenze umanitarie, sociali ed economiche a più di due milioni di bambini, donne e uomini. Ha inoltre esortato affinché la crisi a Gaza sia affrontata nella sua totalità, in conformità con la legge internazionale e che venga urgentemente preso in considerazione il sostegno necessario all'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'assistenza ai rifugiati palestinesi in Medio Oriente con l'obiettivo di garantire la continuità dell'assistenza ai rifugiati palestinesi, ottenendo al tempo stesso una soluzione giusta.

Infine la MNOAL ha riaffermato il suo sostegno e la solidarietà con la causa palestinese, nel tentativo di raggiungere i loro diritti inalienabili all'autodeterminazione, alla libertà e all'indipendenza del loro Stato, con Gerusalemme Est come sua capitale, che è essenziale per l'istituzione di un pace giusta, completa e sostenibile.

FONTE
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa