Nella 'democratica' Spagna una manifestante perde occhio nelle proteste contro l'arresto di Pablo Hasél

Nella 'democratica' Spagna una manifestante perde occhio nelle proteste contro l'arresto di Pablo Hasél

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Una donna ha perso un occhio dopo essere stata colpita da un proiettile di gomma sparato dalla polizia per disperdere i manifestanti. Questo accade nella ‘democratica’ Spagna, non in Russia, Venezuela, Cuba o altre ‘dittature’ quotidianamente stigmatizzate dall’occidente. 

In Catalogna le persone sono scese in piazza per protestare contro la detenzione del rapper Pablo Hasél, incarcerato con l’accusa di aver offeso la corona spagnola e inneggiato alla violenza in alcuni suoi testi. 

Secondo quanto afferma il quotidiano Público, la donna è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico dopo l'impatto del proiettile di gomma nell'occhio. Data la gravità della lesione, i medici hanno deciso che avrà bisogno di un impianto. L’accaduto è stato confermato all’agenzia EFE da un portavoce del Dipartimento della Salute della Generalitat de Catalunya. 

Il Centro  per i Diritti Umani IRIDIA, protesta contro il pericolo che questi proiettili comportano per i manifestanti, provocando ferite gravi come quella che ha subito questa donna. Proiettili che in altre occasioni hanno provocato finanche morti.

Il quotidiano iberico spiega poi che gli uomini della polizia antisommossa hanno fatto irruzione nell’Università di dove Hasél si era barricato con diversi sostenitori, scatenando concentrazioni e rivolte a Barcellona e in altre città catalane come segno di protesta per il suo arresto.

Gli organizzatori della protesta hanno usato i social media per chiedere nuove manifestazioni in tutta la Spagna mercoledì sera per chiedere il rilascio di Hasél. La polizia ha arrestato 18 persone, mentre 55 sono rimaste ferite, tra cui 25 agenti, secondo le autorità.

Una fonte del Dipartimento catalano dell'Interno ha detto che la polizia aveva rinforzato "aree sensibili" per evitare ulteriori disordini, ma non ha voluto fornire ulteriori dettagli. Sono previste nuovamente mobilitazioni e la Polizia della Catalogna ha rafforzato la sicurezza in tutta la regione.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest? di Francesco Santoianni Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Nuova diffamazione contro l'idrossiclorochina: cui prodest?

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia di Marinella Mondaini Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

Giornali e Tv italiane censurano il tentato golpe in Bielorussia

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

Malati fino a prova contraria: che società sarà? di Giuseppe Masala Malati fino a prova contraria: che società sarà?

Malati fino a prova contraria: che società sarà?

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia di Antonio Di Siena Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Superlega e UE: 2 facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti