Newsweek conferma: La Casa Bianca non ha una strategia in Siria se non quella di rubare il petrolio

Newsweek conferma: La Casa Bianca non ha una strategia in Siria se non quella di rubare il petrolio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


A gennaio, il presidente Donald Trump ha fatto marcia indietro sul suo precedente impegno di ritirare le forze Usa dalla Siria, affermando che un "piccolo" contingente americano sarebbe rimasto nella Repubblica araba per "mantenere il petrolio".
 
Newsweek ha citato un anonimo alto funzionario dell'intelligence statunitense che descrive l'attuale strategia di Washington in Siria come una intricata "matassa" alla luce delle imminenti elezioni presidenziali.
 
Mentre il tempo stringe in vista delle elezioni presidenziali del 3 novembre , "entrambi i candidati promettono di porre fine alle 'guerre infinite' intraprese dai loro predecessori", riporta Newsweek, riferendosi sia al candidato democratico Joe Biden e che all'attuale inquilino della Casa Bianca, Donald Trump.
 
Il funzionario dell'intelligence, a sua volta, ha affermato che gli Stati Uniti "non hanno una strategia [sulla Siria]" poiché il Pentagono continua a mantenere una missione militare americana nel paese arabo per "garantire una sconfitta duratura" dell'ISIS*, secondo uno degli ultimi comunicati stampa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.
 
 
Newsweek ha anche citato la portavoce del Pentagono Jessica McNulty affermando che la coalizione guidata dagli Stati Uniti non coordina né condivide l'intelligence con la Russia in Siria.
"Di tanto in tanto veniamo informati casualmente dei pianificati attacchi russi contro obiettivi dell'ISIS [Daesh] a ovest del fiume Eufrate, come parte delle nostre comunicazioni di routine contro i conflitti", ha sottolineato.
 
Le osservazioni sono arrivate dopo che il ministero della Difesa russo ha dichiarato a fine agosto che i militari russi avevano fatto del loro meglio per evitare una collisione con le forze americane schierate in Siria , in linea con gli accordi progettati per evitare scontri tra le forze dei due paesi nella Repubblica araba.
 
La dichiarazione ha fatto seguito al Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti che accusa i soldati russi di essere dietro una collisione con un veicolo militare americano in Siria, nonostante i numerosi video dalla scena che mostrano le truppe russe che fanno diversi tentativi di separarsi dalle loro controparti statunitensi in modo sicuro.
 
L'inviato dell'ONU della Siria accusa Trump di aver rubato il petrolio del paese
 
In uno sviluppo separato il mese scorso, l'ambasciatore siriano alle Nazioni Unite Bashar al-Jaafari ha accusato il presidente degli Stati Uniti Trump di aver rubato il petrolio della Repubblica araba, riferendosi a un recente accordo firmato tra le forze democratiche siriane a guida curda (SDF) e una società americana.
 
L'accordo, che secondo quanto riferito è stato firmato da Delta Crescent Energy LLC, prevede la modernizzazione dei pozzi petroliferi nelle aree controllate dalle SDF sostenute dagli Stati Uniti nel nord-est della Siria.
 
Al-Jaafari ha dichiarato al Consiglio di sicurezza dell'ONU che "le forze di occupazione statunitensi, in dispregio delle Nazioni Unite e della comunità internazionale, hanno compiuto un nuovo passo per saccheggiare le risorse naturali della Siria, incluso il petrolio e il gas siriano", fondando la società Crescent Delta Energy
 
Alla fine di ottobre 2019, l'esercito russo ha pubblicato un rapporto dettagliato sulle attività di contrabbando di petrolio degli Stati Uniti in Siria, comprovato dai dati dell'intelligence satellitare.
 
Secondo il documento, il Pentagono, la CIA e appaltatori militari privati ??avevano accettato di impegnarsi in operazioni di contrabbando di petrolio con i curdi e le compagnie petrolifere controllate dagli Stati Uniti, ottenendo profitti per oltre 30 milioni di dollari al mese.
 
Mentre la Russia rimane "l'unico paese che ha truppe in Siria su base legale e su richiesta del legittimo governo siriano", come ha ricordato a marzo da  portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, le forze statunitensi sono schierate  nella Repubblica araba senza un mandato delle Nazioni Unite e il via libera di Damasco.
 
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti