«Non era una semplice provocazione»: Maduro spiega perché non è andato al vertice Celac

«Non era una semplice provocazione»: Maduro spiega perché non è andato al vertice Celac

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, ha spiegato le ragioni che lo hanno costretto a non partecipare al VII Vertice della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC) a Buenos Aires, in Argentina.

Attraverso un audio diffuso dal sociologo e scrittore argentino Atilio Borón sul suo account Twitter, il leader bolivariano ha assicurato che il suo governo ha ricevuto informazioni sensibili su una grande aggressione coordinata dall'ambasciata statunitense contro la sua persona e la delegazione da lui guidata.

"Non era una semplice provocazione, ma qualcosa di più grande, coordinato dall'ambasciata statunitense con i ratti del macrismo, Patricia Bullrich e del Partido Judicial", ha denunciato Maduro.

Secondo il capo di Stato venezuelano, il piano è stato scoperto grazie alle sue fonti di intelligence. "Siate sicuri che la decisione che abbiamo preso era quella giusta, valutando oggettivamente tutti gli elementi a disposizione da fonti di intelligence di alto livello che non ci hanno mai deluso. Sono molto potenti, ci hanno salvato la vita diverse volte", ha infine aggiunto.

Concorde con la decisione di Maduro il suo omologo messicano Andrés Manuel López Obrador, il quale ha affermato che Maduro ha preso la decisione corretta non partecipando al Vertice, perché la destra voleva tendergli "una trappola" con il sostegno della stampa di opposizione. 

"Penso che la posizione del presidente Maduro di non partecipare sia stata prudente perché la destra, il conservatorismo belligerante dell'Argentina, aveva preparato uno 'show' mediatico e, come direbbe il compianto Juan Gabriel, ¿pero qué necesidad?”, ha detto López Obrador in una conferenza stampa a Città del Messico, mentre il vertice veniva inaugurato a Buenos Aires.

“Maduro ha fatto molto bene, dobbiamo evitare le provocazioni. I conservatori si comportano così ovunque perché controllano la maggior parte dei media", ha aggiunto.

Confrontando il panorama mediatico dei due Paesi, ha osservato che i quotidiani messicani Reforma e El Universal, rispetto all'argentino Clarín, "sono progressisti, moderati". 

"Ed è così che ovunque, in Spagna, in Europa, negli Stati Uniti, la stampa più famosa utilizza questi strumenti mediatici per minare i governi popolari che non si sottomettono agli interessi delle oligarchie”. 

Per il presidente messicano, se il suo omologo venezuelano avesse partecipato al vertice della Celac, si sarebbe prestato a una trappola tesa dalla destra che, a suo avviso, dovrebbe scusarsi per aver indebitato l'Argentina invece di boicottare l'evento.

"Ma poiché sono conservatori e ipocriti, danno la colpa di tutto ad Alberto Fernández", ha accusato AMLO.

López Obrador ha ricordato che, nel 2019, l'ex presidente argentino Mauricio Macri voleva essere rieletto, il che faceva comodo al governo statunitense, che lo ha aiutato a ottenere dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) un prestito che andava ben oltre la sua capacità di pagamento.

“Poi Macri perde, perché nemmeno con tutti quei soldi ha vinto, e lasciano l'Argentina completamente indebitata, e invece di aiutare a rinegoziare il debito per far progredire il Paese, si girano e lasciano il governo da solo. Il tempo passa, la situazione peggiora a causa dell'enorme debito, dell'inflazione e della svalutazione”, ha affermato il presidente messicano sintetizzando alla perfezione quanto accaduto. 

Ciò che è contraddittorio, ha aggiunto, è che quelle stesse persone che hanno indebitato il Paese "sono ora i campioni della libertà e della democrazia", che vogliono vincere le elezioni di quest'anno in Argentina.

"Il trucco del conservatorismo di destra non si realizzerà qui, perché la gente è molto consapevole, molto informata. Abbiamo il vantaggio che i media convenzionali, anche quelli che difendono il conservatorismo con le unghie e con i denti, non sono paragonabili al giornalismo di estrema destra dell'Argentina e di altri Paesi (...) c'è un processo di rivoluzione delle coscienze in cui la gente non si lascia manipolare”. 

D'altra parte, per quanto riguarda la propria assenza dal Vertice Celac, López Obrador ha spiegato di non aver partecipato perché aveva una serie di impegni in Messico e il viaggio in Argentina lo avrebbe costretto ad assentarsi per almeno tre giorni.

"Ci sono molte speculazioni, io dovevo essere al Tren Maya nella supervisione dei lavori, ma sono d'accordo con quello che verrà discusso al Vertice. Ci sono molte coincidenze, sono più delle differenze", ha assicurato.

López Obrador ha inoltre informato di aver registrato un messaggio da trasmettere al Vertice, in cui si schiera a favore della difesa della democrazia nella regione e contro i golpe, sia militari che mediatici.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti