Non solo Su-57. La Russia progetta un caccia leggero di ultima generazione

Non solo Su-57. La Russia progetta un caccia leggero di ultima generazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo il caccia stealth di quinta generazione Su-57 la Russia non ha intenzione di fermarsi nello sviluppo di caccia da combattimento di nuova generazione. 

L'agenzia di stampa russa TASS riferisce che la Rostec State Corporation con sede a Mosca sta attualmente “lavorando a un concept” per caccia avanzati di “classe media e leggera” da costruire sia nella versione con equipaggio che senza pilota, come riportato da The EurAsian Times. 

I nuovi caccia potrebbero essere più piccoli dell'attuale famiglia Flanker, inclusi Sukhoi Su-27, Su-30 e persino Mikoyan MiG-29 e MiG-35 Fulcrum.

“Sono in corso lavori per sviluppare un sistema di aviazione da combattimento del futuro nelle sue classi leggere e medie. Secondo il progetto, questa potrebbe essere una piattaforma universale nelle versioni con e senza equipaggio”, ha spiegato il CEO di Rostec Sergei Chemezov.

Allo stato attuale, il progetto è ancora nelle fasi nascenti e l'azienda sta sviluppando il concetto sulla base del proprio finanziamento senza il supporto del governo federale.

“L'azienda sta lavorando al concetto e ai requisiti operativi per tale piattaforma. Finora lo stiamo facendo di nostra iniziativa, senza fondi di bilancio [federali]”, ha affermato Chemezov.

La Russian Aircraft Corporation (RAC) ha compiuto sforzi in passato per sviluppare caccia bimotore di nuova generazione come alternative più leggere all'attuale flotta di jet pesanti.

Secondo gli analisti, Mikoyan è considerato il candidato più probabile per il nuovo programma di jet da combattimento leggero, unicamente per il fatto che la società aerospaziale aveva precedentemente lavorato al progetto Lightweight Multifunctional Tactical Aircraft, noto anche come Logkiy Mnogofunktsionalnyi Frontovoi Samolyot ( LMFS).

Il progetto LMFS dell'era sovietica era quello di sviluppare due nuovi caccia da combattimento complementari che avrebbero sostituito i MiG-29.

Tuttavia, a seguito del crollo dell'Unione Sovietica, LMFS è stato sospeso e tutti i caccia monomotore sono stati ritirati dall'inventario.

Il caccia LMFS originale avrebbe caratteristiche poco osservabili, tra cui almeno un vano armi interno.

Anche se il programma non ha mai visto la luce, il jet da combattimento leggero monomotore potrebbe essere costruito utilizzando la suite avionica avanzata esistente del MiG-35. Ciò consentirebbe al caccia di essere equipaggiato con il radar Zhuk-M e altri sensori.

Non è escluso che la Russia potrebbe sviluppare il suo nuovo caccia leggero in collaborazione con altri paesi. Il comparto comunque si rivela affollato dall’arrivo di caccia leggeri come il JF-17, l'FA-50 della Corea del Sud e il jet da combattimento indiano Tejas Light. Il nuovo caccia russo rischia di affrontare una forte concorrenza.

 

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti