NYT: il sostegno di Biden a Capitol Hill "inizia a sgretolarsi"

NYT: il sostegno di Biden a Capitol Hill "inizia a sgretolarsi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La base di sostegno del Presidente Biden tra i principali Democratici di Capitol Hill ha iniziato a sgretolarsi domenica, quando una mezza dozzina di membri di spicco della Camera ha detto privatamente ai colleghi che dovrebbe ritirarsi dalla corsa presidenziale tra le crescenti preoccupazioni sulla sua età e sulla sua capacità di vincere la rielezione. Lo scrive oggi il New York Times con un articolo dal titolo emblematico "I principali democratici della Camera dicono in privato che Biden deve andarsene, mentre gli alleati insistono che deve fare di più", che sottolinea come: "Durante una riunione privata virtuale, i Democratici della Camera - tutti membri anziani di potenti commissioni - hanno discusso su come usare la loro influenza collettiva per convincere Biden che aveva poche possibilità di sconfiggere l'ex Presidente Donald J. Trump, secondo quanto riferito da cinque persone che hanno avuto familiarità con la discussione confidenziale, tra cui tre che erano presenti e che hanno insistito sull'anonimato per parlarne."

Durante la sessione, prosegue il quotidiano Usa, convocata dal rappresentante Hakeem Jeffries, democratico di New York e leader della minoranza, è emersa la necessità di un cambio al vertice della lista per preservare le possibilità del partito di mantenere la Casa Bianca e di prevalere nella lotta per il controllo del Congresso.

Tra coloro che hanno detto esplicitamente che Biden dovrebbe porre fine alla sua candidatura vi sono i rappresentanti Jerrold Nadler di New York, il primo membro democratico della commissione giudiziaria, Adam Smith di Washington, il membro più alto in grado della commissione per i servizi armati, Mark Takano della California, il primo membro democratico della commissione per gli affari dei veterani e Joseph D. Morelle di New York, il primo membro democratico della commissione per l'amministrazione della Camera.

Anche un quinto democratico, il rappresentante Jim Himes del Connecticut, il più importante democratico della commissione per l'Intelligence, ha espresso incertezza sul percorso di Biden. Un sesto, la rappresentante Susan Wild della Pennsylvania, membro della commissione etica, ha dichiarato in una dichiarazione dopo la sessione di aver "espresso le stesse preoccupazioni che gli americani in tutto il Paese stanno affrontando, circa l'eleggibilità del Presidente Biden", aggiungendo che il "difficile processo" che i Democratici stanno attraversando per determinare il miglior percorso da seguire dovrebbe essere fatto in modo riservato.

La decisione di Jeffries di tenere l'incontro in un momento di crescente panico all'interno dei vertici del suo caucus, prosegue il NYT, è stata notevole di per sé; "consentendo ai democratici di esprimere privatamente dubbi così profondi, ha lasciato a Biden poca scelta, se non quella di riconoscere le preoccupazioni del suo stesso partito che finora aveva ignorato."

Alcuni democratici continuano a dire che Biden merita un'ultima possibilità di raddrizzare la sua campagna. Il senatore Christopher S. Murphy ha detto domenica che la prima intervista televisiva del Presidente dopo il dibattito non è riuscita a dissipare le profonde preoccupazioni sul suo stato di salute e che il Presidente deve lavorare ancora per convincere gli elettori che è in grado di candidarsi e vincere la rielezione. "Gli elettori hanno delle domande", ha detto Murphy a "State of the Union" della CNN. Sebbene nessun leader del Congresso democratico abbia ancora chiesto pubblicamente a Biden di farsi da parte, cinque democratici della Camera lo hanno fatto e anche tra i senatori l'ansia comincia a farsi sentire.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti