World Affairs/La disputa di confine tra Cina e India una grande opportunità per...

La disputa di confine tra Cina e India una grande opportunità per gli Usa

 

Di Shishir Upadhyaya*
 
 
Gli Stati Uniti hanno appoggiato con forza Nuova Delhi quando la tensione tra India e Cina è aumenta tra i colloqui di confine bloccati. Ma Washington ha i suoi motivi per incoraggiare l'azione aggressiva degli indiani.

 
A seguito di un sanguinoso scontro tra truppe indiane e cinesi nella valle di Galwan, nel Ladakh orientale, il 15 giugno, i tentativi di ridurre le tensioni delle due parti sembrano aver raggiunto un punto morto, anche se è stato segnalato un ampio "consenso al disimpegno" .
Poco altro si sa dei continui colloqui militari o diplomatici mentre le truppe dei due paesi si trovano faccia a faccia lungo almeno quattro punti sulla disputa Linea di controllo effettivo o LAC di 3.500 chilometri - Pangong Tso, Galwan Valley, Hot Spring e Depsang.
 
Ciò che è chiaro, tuttavia, è che gli Stati Uniti si stanno interessando molto agli eventi. Mentre le tensioni tra Stati Uniti e Cina aumentano, gli americani hanno pubblicamente dato il loro sostegno agli indiani.
 
Mentre ciò ha incoraggiato Nuova Delhi, i motivi degli Stati Uniti sono chiaramente volti a contrastare la Cina, e questa disputa offre loro l'opportunità perfetta per aumentare la pressione su Pechino.
 
L'accumulo militare
 
Le immagini satellitari open source indicano che entrambe le parti hanno messo insieme un massiccio accumulo di forze in previsione di ulteriori escalation.
 
Sul lato cinese, c'è una collezione di carri armati, veicoli corazzati e artiglieria vicino al luogo dell'ultimo conflitto. Allo stesso modo, l'India ha mobilitato migliaia di truppe aggiuntive nelle aree lungo il confine nelle ultime due settimane.
 
Inoltre, l'Indian Air Force (IAF) ha schierato diversi aerei in prima linea, tra cui gli elicotteri Sukhoi Su30-MKI, Jaguar, Mirage 2000 e Apache, nelle sue basi aeree vicino al LAC.
Allo stesso tempo, la Marina indiana ha intensificato gli sforzi di sorveglianza nella regione dell'Oceano Indiano e condotto un esercizio "simbolico" navale con il Giappone, un potenziale alleato e membro chiave del Quad.
 
Inoltre, Nuova Delhi ha anche avviato misure per accelerare gli appalti di armi tra cui il sistema di difesa antimissile balistico S-400 e pezzi di ricambio critici dalla Russia, aerei da combattimento Rafale all'avanguardia dalla Francia, un sistema di difesa aerea israeliano e colpi di artiglieria di precisione da gli Stati Uniti Tutti questi preparativi suggeriscono chiaramente che sia l'India che la Cina stanno mantenendo tutte le opzioni aperte e preparate per una battaglia.
 
L'India: "Non faremo un passo indietro
 
L'umore a Nuova Delhi sembra leggermente bellicoso e vi è un crescente consenso sul fatto che il governo dovrebbe rispondere con forza. Recentemente è stato riferito che un alto funzionario ha dichiarato che mentre il governo non vuole un'escalation, non cederà alla Cina, sottolineando: "Non faremo un passo indietro, li prenderemo ".
 
Questo sentimento potrebbe derivare dal fatto che nelle ultime settimane, mentre le truppe indiane hanno scavato trincee nel Ladakh, è cresciuto il sostegno all'India da tutte le maggiori potenze - e in particolare dagli Stati Uniti.  
 
Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha recentemente parlato di ridistribuire e riallocare la difesa degli Stati Uniti al fine di contrastare l'attuale sfida di sicurezza della Cina all'India e il suo comportamento aggressivo nel Mar Cinese Meridionale.
 
Quest'ultimo ha avuto un impatto su diversi paesi del sud-est asiatico; c'è stata la sottomissione di Hong Kong attraverso la recente legge sulla sicurezza nazionale, recenti violazioni dello spazio aereo di Taiwan e incursioni navali intorno alle isole giapponesi di Senkaku. 
 
Questa è probabilmente la prima volta che il confine sino-indiano è stato menzionato nello stesso respiro delle controversie nel Mar Cinese Meridionale. Significativamente, in uno spettacolo di forza e supporto per i suoi alleati - per la prima volta in circa tre anni - gli Stati Uniti hanno schierato tre gruppi di attacco delle portaerei statunitensi nella zona indo-pacifica.
 
Guerra fredda USA-Cina
 
Lo sfondo di questo è, ovviamente, la crescente spaccatura tra Stati Uniti e Cina che è vista da molti come l'inizio di una nuova guerra fredda, con i contorni di un'alleanza sostenuta dagli Stati Uniti che lentamente prende forma.
 
Di fronte a un massiccio contraccolpo globale derivante dalla gestione della pandemia di Covid-19, Pechino si ritrova isolata, anche dalla Russia, che ha mantenuto una posizione pro-India, promettendo persino di accelerare la fornitura di attrezzature militari all'ndia nonostante la pressione cinese.
 
La Cina ha anche recentemente ricevuto un rimprovero dall'Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico (Asean) di 10 nazioni sulla sua posizione nel Mar Cinese Meridionale, con il blocco che invita congiuntamente Pechino a risolvere le controversie territoriali in conformità con il diritto internazionale.
 
Tuttavia, la Cina non ha mostrato alcuna inclinazione a ridurre le tensioni. Al contrario, Pechino ha alzato la posta, incolpando l'India per gli scontri e sostenendo che sta cercando di approfittare della difficile situazione post-pandemia della Cina.
Alcuni esperti vedono l'attuale confronto come il culmine di una disputa di confine di lunga data, uno scontro di interessi nazionali nella regione, principalmente le obiezioni di Nuova Delhi alla Belt and Road Initiative cinese e l'opposizione cinese alle aspirazioni globali dell'India (con il sostegno degli Stati Uniti) .
 
In molti modi, la disputa non riguarda più il controllo della sterile regione montuosa, ma una più ampia competizione Cina-USA per il dominio globale.
 
L'attuale crisi ha molte somiglianze con gli eventi che hanno portato alla guerra India-Cina del 1962, quando i cinesi hanno inflitto una umiliante sconfitta alle forze indiane.
 
Molti in India credono che la Cina potrebbe ancora provare a spingere l'India a negoziare un accordo di frontiera o impegnarsi in una guerra. Sebbene l'India si trovi in ??una posizione molto migliore rispetto al 1962, l'equilibrio militare complessivo è a favore della Cina, dato il suo budget di difesa significativamente più grande.
 
Tuttavia, il crescente supporto internazionale e il sostegno degli Stati Uniti sembrano aver influenzato il pensiero strategico a Nuova Delhi e molti credono che i tempi potrebbero essere giusti per rispondere in modo aggressivo alle forze armate cinesi.
 
Ciò ha acuito le tensioni e potrebbe portare l'India a diventare la prima delegazione significativa nella guerra fredda USA-Cina.
 
 
*È  un ex ufficiale dell'intelligence navale indiana. Collabora con Jane's Defence Weekly e Jane's Navy International autore di  ‘India’s maritime strategy; balancing regional ambitions and China.’  Account Twitter @ Shishir6
 
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa