/ Perché l'inflazione rallenta in Venezuela, nonostante la sua cris...

Perché l'inflazione rallenta in Venezuela, nonostante la sua crisi economica causata dal blocco USA

 

Il paese sudamericano registra una tendenza al ribasso nella variazione dell'indice dei prezzi al consumo nel primo trimestre di quest'anno.

La Banca Centrale del Venezuela (BCV) ha rotto il silenzio questa settimana sui principali indicatori economici del paese sudamericano, e nonostante dati che confermano la profonda recessione, un dato di fatto è stato trascurato nei titoli della stampa internazionale nel mese di aprile, L'indice nazionale dei prezzi al consumo (INPC) si attesta al 33,8%.
 
In realtà, tale cifra è inferiore al record dello scorso marzo, che si attesta al 34,8%, con il quale l'indice inflazionistico è tornato a due cifre nella variazione mensile, dopo gennaio e febbraio chiuso con il 196,6% e il 114,4%, rispettivamente.
 
Molto tempo prima delle comunicazioni in merito della BCV, società finanziarie private sottolineavano un "freno" sul processo accelerato di iperinflazione, mentre il Consiglio Nazionale per il Commercio e dei Servizi del Venezuela (Consecomercio) ha ratificato il prezzo "lag" in vari prodotti e servizi.
 
Una riflessione di questo fenomeno è stato il titolo di 'prodotti alimentari e bevande analcoliche', dettagliato nella variazione mensile di BCV finora quest'anno: nel mese di gennaio è salito a 204%, e nel mese di aprile è sceso a 29,3%. Qualcosa di simile è accaduto con hotel e ristoranti, che sono passati dal 238,3% di gennaio al 38% di aprile.
 
Come è successo?
 
Per l'economista ed ex ministro del commercio estero, Jesús Faría, uno dei fattori che ha influito sulla velocità del rialzo dell'inflazione è stata la speculazione sull'acquisto illegale e la vendita di valuta straniera.
 
Tuttavia, fa riferimento al fatto che questo scenario è cambiato quando la BCV ha autorizzato l'acquisto e la vendita di dollari per le banche private attraverso le tabelle di scambio, le cui transazioni includono rapporti giornalieri di operazioni, che poi l'organismo emittente calcola e pubblica come tasso ufficiale.
 
Secondo Faría, questa misura ha permesso alla BCV di fermare la marcatura illegale del prezzo del dollaro parallelo, una "scusa ripetuta dei commercianti" per aumentare i prezzi.
 

 
"Quello che stiamo osservando negli ultimi mesi è lo sforzo dello Stato nell'applicazione di nuove politiche macroeconomiche che erano necessarie" per bilanciare il mercato, aggiunge.
 
Un altro aspetto chiave è la riserva legale applicata al sistema bancario. L'attuale misura obbliga la banca a congelare una parte dei depositi nella BCV come riserva. Ciò limita l'eccesso di liquidità (bolivar), aiuta a "stabilizzare" la quotazione illegale del dollaro parallelo e impedisce l'aumento indiscriminato dei prezzi.
 
Un rapporto governativo, citato da La Iguana, sottolinea che l'attuazione della riserva ha mitigato "l'aumento della liquidità monetaria" e ha permesso la "conseguente decelerazione dell'iperinflazione".
 
Non si può cantare vittoria
 
Sebbene ci sia un progressivo rallentamento dell'iperinflazione, non può ancora cantare vittoria, poiché la limitazione della moneta, accoppiata con la speculazione dilagante "dollarizzato prezzi" e materie prime accaparramento per la sua rivendita a raddoppiare o triplicare il suo costo originario, colpisce ancora con forza il potere d'acquisto della popolazione.
 
Anche se alcuni prezzi non sono aumentati allo stesso ritmo nel 2018 (l'anno in cui l'inflazione accumulata pari a 130.000%), il tasso di base fissato a 40.000 bolivares al mese, sette dollari al tasso ufficiale è sufficiente per acquisire la maggioranza degli elementi prioritari.
 
"È una sfortunata conseguenza della iperinflazione: si è avuta una momentanea perdita significativa di reddito per i lavoratori", ha commentato l'economista e ricercatore sociale, Oscar Forero.
 
Gli economisti consultati ritengono che il tentativo di fermare l'iperinflazione sia uno dei passaggi chiave che l'esecutivo ha intrapreso per il "riordino del mercato", ma non dovrebbe essere l'unico.
Mancano altre misure per recuperare la produttività nazionale e la capacità d'acquisto.
 
Forero aggiunge che uno degli aspetti che al momento solleva i costi dei prodotti è la disponibilità di carburante, che influisce direttamente sul movimento di alimenti e altri prodotti.
 
"A Táchira e Mérida (regione Andina) a causa della difficoltà di ottenere benzina, i commercianti che trasportano merci al centro o ad est del paese aggiungono al prezzo finale quello che pagano per carburante", spiega Forero.
 
Obiettivo: mantenere il rallentamento dell'inflazione
 
Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha riferito alla fine dello scorso anno che uno degli scopi del suo governo nella prima metà del 2019 era "fermare l'inflazione".
 
Con i primi sei mesi dell'anno, Faría ritiene che l'obiettivo sia mantenere il rallentamento inflazionistico raggiunto finora.
 
Tuttavia, le sanzioni degli Stati Uniti contro il Venezuela minacciano di boicottare questo risultato. "Indubbiamente, il blocco degli Stati Uniti ha accelerato il collasso dell'economia venezuelana", precisa Forero, che ritiene che senza le azioni di Washington il processo di iperinflazione "non sarebbe così profondo" al momento.
 
Secondo Faria, misure coercitive unilaterali applicate da Washington contro Caracas sono "l'arma economica per eccellenza per causare iperinflazione".
 
Tra l'altro, spiega che il blocco, secondo le stime ufficiali, è costato il paese più di 65 miliardi di dollari "Si tratta di risorse che il paese ha utilizzato per rispondere alle esigenze della popolazione e ridurre l'impatto inflazionistico."
 
Questo è in aggiunta alla perdita di 350 miliardi di dollari nella produzione di beni e servizi tra il 2013 e il 2017, pari a 8.400 e 12.100 dollari per ogni venezuelano, secondo uno studio pubblicato dal Centro latino-americano per la geopolitica strategica (Celag) .
 
Anche con questo scenario in salita, il governo ha detto che i prossimi mesi "saranno la chiave per andare lentamente riprendendo l'attività economica in Venezuela", secondo un documento rivisto da media locali.
 
Per ora, l'attenzione è sull'iperinflazione, alla fine del 2019 calcolata al 10.000.000% dal Fondo monetario internazionale (FMI). O almeno il trend al ribasso continuerà a beneficio di tutto il paese: "Penso che possa essere raggiunto, nonostante le sanzioni", prevede Faria.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa