Possibile fuga in Iran degli ebrei haredim preoccupa Israele

Possibile fuga in Iran degli ebrei haredim preoccupa Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il gruppo ebraico ultraortodosso Lev Tahor, con base in Guatemala, continua ad essere perseguitata dai sionisti e dai loro gruppi di pressione. 

La pressione contro i membri di questa comunità ha costretto un gran numero di seguaci ad emigrare in Canada e poi in Guatemala nel 2005. Altri gruppi di questi ebrei sono presenti negli Stati Uniti e in Giordania e affrontano problemi simili.

Il media israeliano in lingua spagnola Yedioth Ahronot nei giorni scorsi ha riferito che decine di famiglie di quel gruppo sono state viste all'aeroporto del Guatemala, apparentemente progettando di recarsi nella regione di confine tra Iraq e Iran, e ha evidenziato preoccupazioni per il trasferimento di centinaia di membri di questo credo nel paese persiano.

 

The Times of Israel, dal canto suo, ha raccontato che "la scorsa settimana, è stato riferito che Israele e gli Stati Uniti stavano cercando di impedire ai membri della setta ortodossa di emigrare in Iran perché temevano che Teheran li possa come moneta di scambio." .

"Raggiungere il confine tra Iran e Kurdistan iracheno potrebbe segnare un importante evento politico e di sicurezza", hanno avvertito i parenti dei membri della setta alle autorità di Israele, Stati Uniti e Guatemala, chiedendo di impedire la partenza di queste famiglie.

A tal proposito, funzionari aeroportuali guatemaltechi hanno reso noto che nei giorni scorsi le autorità del Paese centroamericano hanno arrestato diversi ebrei haredi su richiesta degli Usa che erano cittadini statunitensi e che avrebbero avuto intenzione di recarsi in Iran. Secondo quanto riferito, inizialmente la setta aveva pianificato di recarsi nella regione irachena di Erbil, che confina con il paese persiano.

"La polizia lavora per Israele e per gli Stati Uniti, il governo guatemalteco è d'accordo con tutto ciò che vogliono i sionisti ", ha dichiarato uno dei membri della setta in un'intervista al quotidiano El Espectador .

Il primo gruppo ha già viaggiato nella regione e molti altri membri stanno ora cercando di volare dal Guatemala, o prima in Messico ed El Salvador, e da lì nell'area dell'Asia occidentale.

 

 

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti