Putin: "Criminale" restare a guardare e consentire all'Ucraina l'adesione alla NATO

Putin: "Criminale" restare a guardare e consentire all'Ucraina l'adesione alla NATO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia ha timori legittimi sul rischio che l'armamento militare americano sia di stanza vicino ai suoi confini, ha affermato Vladimir Putin, insistendo sulla speranza che i colloqui con Washington possano allentare le tensioni.

Parlando insieme al primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis in una conferenza stampa a Sochi, oggi, Putin ha avvertito che "sarebbe un'inazione criminale da parte nostra osservare senza spina dorsale tutto ciò che sta accadendo" quando si tratta della prospettiva della vicina Ucraina che si unisce alla NATO.

Secondo Putin, "la Russia conduce una politica estera amante della pace, ma abbiamo il diritto di provvedere alla nostra sicurezza", ricordando che le armi del blocco militare guidato dagli Stati Uniti potrebbero essere schierate sempre più verso est se le speranze di lunga data di Kiev per l'adesione sono stati concessi.

Tuttavia, ha aggiunto il leader russo, i negoziati tenuti il ??giorno prima con il presidente americano Joe Biden potrebbero ancora aiutare a allentare le tensioni che si sono accese tra Mosca e Washington nelle ultime settimane. “I colloqui sono stati molto aperti, sostanziali e costruttivi. Spero che la parte americana veda i risultati allo stesso modo. Abbiamo la possibilità di continuare il dialogo, questa è la cosa più importante" , ha precisato.

Alla domanda sulla possibilità che Mosca lanci un'invasione contro l'Ucraina, Putin ha risposto definendo la domanda "provocatoria", ed ha insistito sul fatto che il suo paese agirà solo per legittima difesa.

"Siamo ovviamente preoccupati per la potenziale adesione dell'Ucraina alla NATO, perché ciò comporterebbe il collocamento di basi militari e truppe nel territorio dell'Ucraina", ha concluso.

Biden e Putin hanno tenuto colloqui ieri tramite un collegamento video sicuro, con Mosca che ha descritto le discussioni come "franche e professionali". Secondo la Casa Bianca, Biden "ha espresso le profonde preoccupazioni degli Stati Uniti e dei nostri alleati europei sull'escalation delle forze russe che circondano l'Ucraina e ha chiarito che gli Stati Uniti e i nostri alleati avrebbero risposto con forti misure economiche e di altro tipo in caso di escalation militare. .”

Come hanno riferito i funzionari russi, Putin ha risposto che è la NATO "che stava facendo pericolosi tentativi di conquistare il territorio ucraino" portando "il suo potenziale militare ai nostri confini". Prima dell'incontro, il presidente russo ha detto che cercherà garanzie scritte che il blocco non tenterà di espandersi ulteriormente verso est.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti