Quando l'Unione Europea dimentica l'austerità: la Grecia richiede ufficialmente i costosissimi caccia F-35

Quando l'Unione Europea dimentica l'austerità: la Grecia richiede ufficialmente i costosissimi caccia F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Grecia continua ad armarsi pesantemente. Mentre i paesi europei stanno a guardare. Nessuno sembra voglia avanzare alcuna obiezione. Evidentemente quando Atene spende risorse, anche ingenti, per sistemi d’armamento tutto ve bene. Mentre se volesse pianificare investimenti per politiche sociali li scatterebbero obiezioni, polemiche, problemi di bilancio. Una sorta di austerità mirata. 

 

In ogni caso, a seguito della decisione del primo ministro Kyriakos Mitsotakis di acquistare 18 caccia bimotori francesi Rafale (sei nuovi e 12 usati), la Grecia ha ufficialmente chiesto a Washington l'acquisto immediato del caccia nordamericano F-35 di quinta generazione. Un velivolo all’avanguardia, ma inaffidabile e molto costoso. 

 

La lettera ufficiale di richiesta (LOR) del Dipartimento della Difesa è stata inviata al governo degli Stati Uniti il ??6 novembre, ha riferito Proto Thema.

 

"La decisione di entrare (Grecia) nel programma F-35 Joint Strike Fighter si baserà su una serie di fattori come il programma di consegna dei caccia, il piano di rimborso, la configurazione del velivolo e una possibile combinazione per ottenere un totale di caccia che va da 18 a 24 (nuovi o usati dall'aeronautica militare degli Stati Uniti, se disponibili)", si legge nella lettera di manifestazione di interesse del Ministero della Difesa nazionale greco del 6 novembre.

 

"La vostra risposta immediata sarà apprezzata", si legge nella lettera del ministero della Difesa nazionale greco, firmata dal direttore generale degli armamenti e degli investimenti, Theodoros Lagios.

 

"A causa delle disposizioni fiscali interne e di altre regole applicabili nel quadro del bilancio e del deficit dell'UE, è fondamentale che i primi F-35 siano consegnati nel 2021. Da parte nostra, faremo tutto il possibile per attuare questo ambizioso programma", recita la lettera.

 

Il direttore generale delle attrezzature e degli investimenti per la difesa, invita i funzionari nordamericani a visitare la Grecia il prima possibile in modo da poter discutere i 18-24 aerei da combattimento F-35.

 

La volontà di acquisto dei caccia stealth di produzione statunitense viene giustificata dalla Grecia con l’acquisizione da parte della Turchia dei sistemi S-400 di produzione russa. 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Chi minaccia la pace in Ucraina?   di Bruno Guigue Chi minaccia la pace in Ucraina?

Chi minaccia la pace in Ucraina?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

“La nazificazione della medicina” di Antonio Di Siena “La nazificazione della medicina”

“La nazificazione della medicina”

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti di Roberto Cursi La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti