Quest’anno la Russia ha guadagnato più territorio dell’Ucraina

Quest’anno la Russia ha guadagnato più territorio dell’Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Dave Camp - AntiwarNews

Quest’anno le forze russe hanno guadagnato più territorio in Ucraina rispetto alla parte ucraina, nonostante la controffensiva ucraina lanciata a giugno, ha riferito ieri il New York Times .

Nell’articolo si rileva che, nonostante nove mesi di pesanti combattimenti in Ucraina, quest’anno solo circa 500 miglia quadrate di territorio sono passate di mano. La Russia ha guadagnato 331 miglia quadrate mentre l’Ucraina ne ha guadagnate 143, con una differenza di 188, che equivale al guadagno netto di territorio della Russia finora quest’anno.

La maggior parte dei combattimenti nella prima metà dell'anno si è concentrata intorno alla città di Bakhmut, nel Donbas, che la Russia ha conquistato completamente a maggio dopo una brutale battaglia iniziata nell'agosto 2022. La controffensiva dell'Ucraina si è concentrata a sud, ma i combattimenti sono continuati vicino a Bakhmut e su tutto il fronte orientale.

Il Times ha citato Marina Miron, ricercatrice post-dottorato in studi di guerra al King's College di Londra, la quale ha affermato che la Russia sembra sentirsi a proprio agio nel mantenere il territorio che attualmente controlla piuttosto che cercare rapidi guadagni.

"Non si perde nulla se non si va avanti", ha detto Miron. “L’intera strategia in Ucraina prevede che i russi lascino che gli ucraini si scaglino contro quelle difese, uccidano il maggior numero possibile e distruggano quanto più equipaggiamento occidentale possibile”.

Nell’articolo si sostiene che la situazione sul campo di battaglia comporta “enormi rischi” per l’Ucraina poiché potrebbe perdere il sostegno occidentale senza guadagni significativi. “La Russia sta cercando di aspettare finché l’Occidente non volterà le spalle”, ha aggiunto Miron.

In vista della controffensiva ucraina, le fughe di notizie di Discord e i resoconti dei media  hanno rivelato che gli Stati Uniti non credevano che l’Ucraina potesse riconquistare molto territorio dalla Russia. Ma l’amministrazione Biden ha comunque spinto per l’assalto e ha respinto l’idea di un cessate il fuoco.

Il Wall Street Journal ha riferito a luglio che i funzionari occidentali sapevano che le forze ucraine non avevano abbastanza addestramento o equipaggiamento per la loro controffensiva, ma speravano che sarebbero riusciti comunque a sfondare.

La mancanza di progressi nella controffensiva non ha fermato l’amministrazione Biden, determinata a sostenere un conflitto senza fine. I falchi al Congresso stanno cercando di vendere la guerra per procura come un successo poiché la Russia sta subendo perdite e nessun americano sta morendo, dimostrando una mancanza di preoccupazione per le vite ucraine.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti