World Affairs/Rapporto Oms prevede 250 milioni di casi Covid in Africa "senza m...

Rapporto Oms prevede 250 milioni di casi Covid in Africa "senza misure adeguate di contenimento"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Lo studio sarà presto pubblicato sul British Medical Journal



Secondo un nuovo modello elaborato da esperti Oms e che sarà pubblicato dal British Medical Journal si prevede che quasi 250 milioni di persone in Africa verrà infettato nei prossimi 12 mesi senza misure adeguate per controllare la diffusione del nuovo coronavirus. Tra 4,6 e 5,5 milioni di persone potrebbero essere ricoverate in ospedale in questo scenario, mettendo a dura prova le limitate risorse sanitarie dei paesi africani.

Quasi 250 milioni di persone potrebbero essere contagiate dal Covid-19 nel continente africano, con circa 190.000 di orti se i paesi africani non ricevono il sostegno di cui hanno bisogno. Questo è quanto sostiene l'ultimo rapporto degli esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che sarà presto pubblicato sul British Medical Journal.
 
Il dott. Humphrey Karamagi è a capo della gestione dei dati, delle analisi e delle conoscenze presso l'Ufficio regionale dell'OMS per l'Africa e ha partecipato alla stesura di questo ultimo rapporto.
 
Vi riportiamo alcuni stralci dell'intervista che Sputnik gli ha rivolto a proposito proprio del modello previsionale per l'Africa.


Sputnik: In che modo saranno colpiti i paesi non africani se il continente africano non ottiene il supporto necessario per evitare lo scenario peggiore previsto dal modello?
 
Dott. Humphrey Karamagi: Tutti i paesi del mondo saranno influenzati negativamente. Allo stato attuale, l'OMS ha ribadito che il virus potrebbe resistere per alcuni anni nel mondo.
L'Africa può diventare una fonte di nuove infezioni per altre regioni del mondo, così come altre regioni possono essere una fonte di nuove infezioni per l'Africa. Il sostegno ai paesi africani deve quindi essere parte della risposta globale per tutti i paesi.
 


Sputnik: Il suo rapporto afferma che i precedenti modelli predittivi non sono riusciti a riflettere adeguatamente i fattori socio-ecologici che sono unici per molti paesi africani.
Cosa c'è di diverso nel suo modello che si traduce in una previsione più giusta e accurata di ciò che possiamo aspettarci che accada in Africa?

 
Dott. Humphrey Karamagi: In primo luogo, prende in considerazione nuove informazioni sull'epidemiologia dell'infezione da SARS-Cov_2, che gli altri modelli potrebbero non aver avuto.
In secondo luogo, incorpora le informazioni su come l'infezione interagisce nel corpo per causare gravi malattie, in particolare in relazione agli anziani e alle persone con obesità, diabete o gestione dell'ipertensione. In terzo luogo, acquisisce una gamma più ampia di fattori socio-ecologici che influenzano la trasmissione, tutti i quali vengono utilizzati dati specifici per paese per costruire modelli di trasmissione specifici per paese.


 
Sputnik: Cosa si deve fare per evitare che gli scenari peggiori dei sistemi sanitari vengano sovraccaricati a causa dell'epidemia di COVID-19?
 
Dott. Humphrey Karamagi: Efficaci misure di salute pubblica incentrate sulla necessità di testare, isolare, trattare e mettere in quarantena casi sospetti. L'obiettivo è di interrompere la trasmissione abbastanza da ridurre il rischio di infezione a un livello in cui un paese può rispondere efficacemente ai casi che il suo sistema sanitario può gestire. Ciò eviterà morti e costi inutili. 
 


Sputnik: Il continente africano sembra aver sofferto meno di COVID-19 rispetto a Europa, Stati Uniti e parti dell'America Latina finora. Perché? Potrebbe essere che la mancanza di test sufficienti nasconda le vere figure di coloro che hanno contratto il virus?
 
Dott. Humphrey Karamagi: Ci sono una serie di potenziali spiegazioni: In primo luogo, potrebbe essere che l'Africa sia ancora nella fase iniziale della pandemia che l'Europa e l'America hanno attraversato, dato il suo tasso di trasmissione più basso postulato dal modello. I casi stanno aumentando nei paesi in cui le misure di contenimento della salute pubblica non sono efficaci e riducono nei paesi in cui si trovano (come Mauritius, Eritrea).
In secondo luogo, in alcuni paesi i livelli di test sono molto bassi e molti casi potrebbero non essere rilevati. Come visto nel resto del mondo, è importante disporre di test estesi per identificare e rispondere ai casi.

 

Sputnik: Il suo modello è open source e è possibile esaminare e valutare i suoi presupposti e dati?
 
Dott. Humphrey Karamagi: Ovviamente lo è, ed è stato persino recensito da esperti indipendenti. Tutti i paesi hanno ricevuto e lo stanno utilizzando attraverso gli Uffici nazionali dell'OMS.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa