Reazioni alla vittoria del fanatico ultraliberista Milei alle elezioni presidenziali argentine

Reazioni alla vittoria del fanatico ultraliberista Milei alle elezioni presidenziali argentine

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il fanatico neoliberista Javier Milei sarà il prossimo presidente dell'Argentina dopo aver battuto il suo avversario Sergio Massa questa domenica al secondo turno delle elezioni. Secondo i risultati dello scrutinio provvisorio pubblicati dalla Camera Elettorale Nazionale (CNE), con il 99,28% delle tabelle scrutinate, Milei ha il 55,69% dei voti, mentre Massa il 44,30%.

La reazione all’elezione di un personaggio quanto meno controverso come Javier Milei ha ovviamente prodotto reazioni contrastanti. 

Brasile

"La democrazia è la voce del popolo e deve essere sempre rispettata. Le mie congratulazioni alle istituzioni argentine per aver condotto il processo elettorale e al popolo argentino che ha partecipato al giorno delle elezioni in modo ordinato e pacifico", ha affermato il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula. .da Silva.

Da parte sua, l'ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha accolto con favore i risultati elettorali. "Congratulazioni al popolo argentino per la vittoria con Javier Milei. La speranza torna a splendere in Sud America", ha scritto sul suo account X. "Che questi buoni venti raggiungano gli Stati Uniti e il Brasile affinché l'onestà, il progresso e la libertà ritornino a tutti". noi", ha aggiunto.

Colombia

Di tutt’altro tenore la reazione del presidente della Colombia, Gustavo Petro, che si è detto pessimista riguardo l’affermazione elettorale di Milei. "L'estrema destra ha vinto in Argentina; è una decisione della sua società. Triste per l'America Latina e vedremo... il neoliberismo non ha più una proposta per la società, non può rispondere agli attuali problemi dell'umanità", ha affermato. tramite i social network.

Petro ha scritto questa opinione in risposta a un tweet dell'ex presidente colombiano Iván Duque che affermava: "Voglio estendere le mie congratulazioni a Javier Milei che oggi diventa il nuovo presidente dell'Argentina. Oggi ha trionfato la democrazia e sono stati sconfitti il populismo, la demagogia e il Gruppo di Puebla" .

Cile

Il presidente cileno, Gabriel Boric, ha sottolineato: "Oggi il popolo argentino ha vissuto una giornata democratica per eleggere il suo Presidente per i prossimi quattro anni. Saluto Javier Milei per la sua vittoria e Sergio Massa per il suo dignitoso riconoscimento della sconfitta. Auguro al popolo argentino tutto il meglio e so che avrà sempre il nostro rispetto e il nostro sostegno”.

Anche l'ex presidente cileno, Sebastián Piñera, si è congratulato con Milei e ha chiesto che "le idee e le forze della Libertà guidino e conducano l'Argentina lungo i sentieri della Libertà, della Giustizia e del Progresso".

Stati Uniti

Anche Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha commentato le elezioni argentine. In un tweet, il funzionario del governo di Joe Biden si è congratulato con Milei e "con il popolo argentino per aver tenuto elezioni libere e corrette". Sulla stessa linea, il Segretario di Stato Antony Blinken ha scritto: "Ci congratuliamo con Javier Milei per la sua elezione a Presidente dell'Argentina. Siamo ansiosi di proseguire la cooperazione bilaterale sulla base di valori e interessi condivisi".

Anche l'ex presidente Donald Trump non ha perso l'occasione per congratularsi con Milei. "Il mondo intero sta guardando! Lei darà una svolta al suo Paese e renderà l'Argentina di nuovo grande", ha scritto sulla sua piattaforma Truth Social. 

Nel frattempo, l'ambasciatore statunitense in Argentina Marc Stanley ha scritto: "Non vediamo l'ora di lavorare insieme su priorità condivise che vanno a beneficio dei cittadini dei nostri due Paesi, tra cui la protezione dei diritti umani e della democrazia, la lotta al cambiamento climatico, il miglioramento del clima degli investimenti e gli investimenti nella classe media".

"C'è prosperità per l'Argentina", ha scritto Elon Musk, l'uomo più ricco del mondo, sul suo account X (ex Twitter).

Ulteriori reazioni dalla regione latinoamericana

"Gli argentini hanno eletto Javier Milei come nuovo presidente in un processo democratico. Il governo dell'Ecuador si congratula con il presidente eletto e gli augura ogni successo, affinché possa risolvere i problemi urgenti del suo Paese e prendere le decisioni più appropriate per migliorare la qualità della vita degli argentini. Congratulazioni per le democrazie dell'America Latina", ha scritto il presidente uscente dell'Ecuador, Gulliermo Lasso.

In Honduras, la presidente del Paese, Xiomara Castro, si è congratulata con Milei "per il suo trionfo come nuovo presidente dell'Argentina" e ha ricordato che assumerà la presidenza della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (Celac) nel gennaio 2024.

L’amministrazione peruviana di Dina Buluarte ha inviato "calorose congratulazioni" al cosiddetto anarco-capitalista libertario: “Il Perù esprime le sue più vive congratulazioni a Javier Milei per la sua elezione a Presidente della Repubblica Argentina. Nell'augurargli ogni successo nella sua amministrazione, rinnova il suo impegno a continuare a rafforzare gli storici legami di amicizia e cooperazione che uniscono i nostri Paesi”. 

Analogamente, il leader uruguaiano Luis Lacalle Pou ha dichiarato: "Saluto il Presidente eletto Javier Milei. Abbiamo molto da lavorare insieme e da migliorare le nostre relazioni bilaterali".

Il Presidente della Bolivia, Luis Arce, ha assicurato che il suo Paese sarà sempre rispettoso della volontà democratica del popolo. "Auguriamo prosperità al fraterno popolo argentino e successo al suo presidente eletto, Javier Milei. Lavoreremo affinché le relazioni tra i nostri popoli rimangano forti come lo sono state finora, basate sulla fratellanza, la complementarietà e il rispetto reciproco", ha scritto sul suo account X ufficiale.

Da parte sua, Alicia Bárcena, Segretario agli Affari Esteri del Messico, si è congratulata con l'Argentina per una "giornata elettorale pacifica", assicurando che l'organizzazione che rappresenta è pronta a lavorare con il nuovo governo del Paese sudamericano.

Il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (OSA), Luis Almagro, ha augurato "successo" per il suo prossimo mandato. "Speriamo di continuare a rafforzare i legami di cooperazione per la prosperità e la democrazia in Argentina", ha dichiarato.

Russia

L'ambasciatore russo in Argentina Dmitry Feoktistov ha scritto sui suoi social media: "Congratulazioni al popolo argentino per l'elezione del capo di Stato. A prescindere dalla situazione politica, siamo pronti a proseguire gli sforzi per sviluppare le relazioni in tutti i settori".

Reazioni in Argentina

L'attuale presidente dell'Argentina, Alberto Fernández, ha scritto: "Il popolo ha espresso la sua volontà. Milioni di argentini sono andati a votare e hanno definito il destino del Paese per i prossimi quattro anni. "Sono un uomo di democrazia e non apprezzo nulla di più del verdetto del popolo. Confido che domani potremo iniziare a lavorare con Javier Milei per garantire una transizione ordinata", ha aggiunto.

Quanto alla candidata vicepresidente di LLA, Victoria Villaruel, ha ringraziato "tutto il popolo argentino che, nonostante gli ostacoli, ha scelto la libertà e un futuro per sé e per i propri figli". "Con Javier Milei, ci sentiamo profondamente onorati di rappresentarvi e di essere con voi nei prossimi anni", ha concluso.

Inoltre, l'ex presidente argentino Mauricio Macri si è congratulato con Milei per "aver rappresentato con coraggio la volontà di andare avanti e prosperare che vive nel cuore degli argentini". Ha saputo ascoltare la voce dei giovani e la stanchezza di milioni di persone trascurate e impoverite", ha detto. "Il nuovo governo di Milei avrà bisogno del sostegno, della fiducia e della pazienza di tutti noi. Ciò che accadrà dipenderà dalla sua amministrazione e dalla convinzione che noi argentini non ci arrenderemo alla lotta per un vero cambiamento", ha sottolineato.

Da parte sua, la candidata di Juntos por el Cambio, Patricia Bulrich, arrivata terza alle elezioni generali, ha sottolineato la "clamorosa e storica vittoria" del candidato di estrema destra. "Questa domenica ha vinto il cambiamento profondo per il quale abbiamo lavorato per anni. Siamo milioni di argentini pronti a difendere la libertà e il progresso per i quali abbiamo lottato così duramente, che lei ha saputo rappresentare con idee chiare", ha dichiarato.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti