Russia, Cina, Iran? No, è l'arsenale nucleare della Gran Bretagna che potrebbe distruggere il mondo

Russia, Cina, Iran? No, è l'arsenale nucleare della Gran Bretagna che potrebbe distruggere il mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Durante la Guerra Fredda, il potente arsenale nucleare del Regno Unito è stato uno dei punti chiave nei disaccordi tra Mosca e Washington per quanto riguarda il dispiegamento di armi nucleari a raggio intermedio in Europa. 

Nel 1987, il leader sovietico Mikhail Gorbachev accettò le richieste degli Stati Uniti e firmò un trattato che le bandiva. Gli Stati Uniti hanno annullato l'accordo nel 2019.

Anche se l'arsenale nucleare del Regno Unito nonè al livello di quello del suo principale alleato, gli Stati Uniti, ha un potenziale deterrente enorme dal momento che può “devastare anche il più grande dei paesi", scrive Kyle Mizokami, collaboratore di The National Interest.

Il Regno Unito, che è diventato il terzo paese dopo gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica a sviluppare, testare e costruire armi nucleari, attualmente conta su quattro sottomarini di classe Vanguard che possono trasportare fino a 16 missili Trident ciascuno, con ogni missile contenente molteplici testate (MIRV) e ciascuna testata con un peso di lancio di 100 chilotoni.

Il numero di testate per sottomarino è stato ridotto nel corso degli anni, da un previsto 128 per sottomarino - al momento del lancio del programma - a 40 nel 2010. Mentre attualmente il numero per sottomarino è attualmente di otto.

Ogni Trident ha una portata di 12.000 km, sufficiente per colpire obiettivi ovunque in Russia o in Cina, e praticamente ovunque nel mondo, dall'area dove sono schierati i sottomarini nelle acque al largo del Regno Unito.

Con almeno un sottomarino di classe Vanguard in pattuglia in un dato momento, e dato che la Gran Bretagna potrebbe teoricamente schierare in mare tre dei suoi quattro sottomarini nucleari contemporaneamente, ciò significa che Londra potrebbe lanciare tutte le 120 bombe operativamente utilizzabili che sono a disposizione nel suo arsenale. Il totale di bombe atomiche a disposizione del Regno Unito in caso di guerra è pari a 250.

Il sistema Trident del Regno Unito è stato preceduto dal Polaris, un altro missile sottomarino che la Marina trasportava a bordo dei suoi sottomarini missilistici nucleari di classe Resolution. 

Questi sottomarini hanno continuato a servire come deterrente nucleare del Regno Unito fino alla metà e alla fine degli anni '90, dopo la fine della Guerra Fredda, quando furono sostituiti da imbarcazioni di classe Vanguard armati con Trident.

Nel 2016, Londra ha approvato la creazione di un nuovo sottomarino nucleare di classe Dreadnought , con un programma stimato di 31 miliardi di sterline che prevede che le navi trasportino gli stessi missili Trident II D-5 dei loro predecessori. Due di questi mezzi navali - Dreadnought e Valiant, sono già in costruzione, con altri due, Warspite e King George VI, annunciati. I sottomarini dovrebbero entrare in servizio all'inizio degli anni '30 e operare fino agli anni '70.

Negli anni '80, quando gli Stati Uniti schierarono i missili nucleari Pershing II e quelli da crociera nell'Europa occidentale, i deterrenti nucleari britannici e francesi divennero un punto cruciale nei negoziati tra Mosca e Washington. 

L'amministrazione Reagan disse ai sovietici che avrebbe annullato il dispiegamento dei missili solo se l'URSS lo avesse fatto, anche se una parte sostanziale del territorio sovietico faceva parte dell'Europa continentale. 

L'Unione Sovietica reclamava che in quanto alleati della NATO, gli arsenali nucleari di Gran Bretagna e Francia arebbero dovuti essere presi in considerazione.

Alla fine degli anni '80, nel tentativo di ridurre le tensioni tra le superpotenze, il leader sovietico Mikhail Gorbachev accettò inaspettatamente i termini statunitensi e nel 1987 i due paesi firmarono il Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio, che proibiva la creazione, la costruzione e il dispiegamento di tutti i missili terrestri nella gamma da 500 a 5.500 km. Il trattato non conteneva alcun punto sugli arsenali britannici o francesi e consentiva agli Stati Uniti di continuare a schierare armi nucleari a raggio intermedio nell'aria e in mare. 

Nel 2019, l'amministrazione Trump si è comunque ritirata dal trattato.

 

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti