Russia: l'attentato al ponte in Crimea è un attacco terroristico ucraino

Russia: l'attentato al ponte in Crimea è un attacco terroristico ucraino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il regime di Kiev è tornato a colpire il ponte di Crimea con un attacco che la Russia ha bollato senza mezzi termini come terrorista. L'incidente si è verificato nelle prime ore del mattino di lunedì e ha causato il blocco dei trasporti. Sui social network circolano foto che mostrerebbero i danni all'infrastruttura. Il trasporto ferroviario sul ponte è stato recentemente ripreso, secondo quanto dichiarato da Oleg Kriuchkov, consigliere del capo della Repubblica di Crimea.

A sua volta, il capo del parlamento della Crimea, Vladimir Konstantinov, ha scritto sul suo canale Telegram che la ferrovia non è stata danneggiata. Ha anche spiegato che la Crimea è collegata alla terraferma russa da un corridoio terrestre a nord, quindi non è affatto isolata dal resto del Paese.

"Questa notte il regime terroristico di Kiev ha commesso un nuovo crimine: ha attaccato il ponte di Crimea", ha scritto Konstantinov sul suo canale Telegram.

Nelle sue parole, Kiev non poteva ignorare che la parte automobilistica del passaggio è una struttura esclusivamente civile.

"Ma questo non ha mai fermato i terroristi. Né li fermerà d'ora in poi", ha sottolineato.

"L'unica cosa che può fermarli è la privazione della capacità fisica di infliggere tali colpi e l'inevitabilità della rappresaglia per ognuno di loro", ha concluso il politico.

I media ucraini affermano che l'attacco al ponte di Crimea è un'operazione speciale dei servizi di sicurezza e della marina ucraina, che hanno utilizzato droni di superficie per portarlo a termine.

L’attacco al ponte di Crimea è un atto terroristico commesso dall'Ucraina, denuncia il Comitato investigativo russo.

"Secondo l'inchiesta, nella notte tra il 16 e il 17 luglio, una delle sezioni del ponte di Crimea è stata danneggiata a causa di un atto terroristico commesso dai servizi speciali ucraini. Due civili - un uomo e una donna che viaggiavano sul ponte come turisti - sono stati uccisi e la loro figlia minorenne è rimasta ferita", si legge nella dichiarazione dell'agenzia.

È stato aperto un procedimento penale in relazione all'incidente e gli investigatori stanno identificando le persone coinvolte nell'organizzazione e nell'esecuzione del crimine.

Anche il Comitato nazionale antiterrorismo russo ha affermato che si è trattato di un attacco terroristico ucraino. "Alle 3:05 [lunedì mattina], due veicoli di superficie senza pilota ucraini hanno effettuato un attacco al ponte di Crimea. Come risultato dell'atto terroristico, una sezione autostradale del ponte di Crimea è stata danneggiata", ha dichiarato l'istituzione in un comunicato.

“Regime terrorista”

Anche la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha commentato la situazione sui social media, affermando che la decisione di attaccare il ponte è stata presa con il coinvolgimento dei servizi segreti statunitensi e britannici.

"L'attacco di oggi al ponte di Crimea è stato perpetrato dal regime di Kiev. Questo regime è un regime terroristico con tutte le caratteristiche di un gruppo criminale organizzato internazionale. Le decisioni sono prese da funzionari e militari ucraini con il coinvolgimento diretto dei servizi segreti e dei politici statunitensi e britannici", ha scritto la portavoce.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti