Russia, nel 2022 pronto il drone d'attacco stealth S-70 Okhotnik

Russia, nel 2022 pronto il drone d'attacco stealth S-70 Okhotnik

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il drone Okhotnik è ormai in dirittura d’arrivo. Il ministero della Difesa russo prevede che i lavori sull'ultimo drone da attacco pesante Okhotnik saranno completati entro il 2022 e l'opportunità di firmare un contratto su larga scala per la consegna del drone alle truppe russe, ha dichiarato giovedì il ministro della Difesa Sergei Shoigu, come riporta l’agenzia Tass.

"Speriamo che i lavori saranno completati entro il 2022 e saremo in grado di firmare un ampio contratto a lungo termine per questi droni, come è ormai prassi nelle forze armate. Ciò è necessario affinché l'industria sia consapevole di come costruire piani per i prossimi dieci anni e ordinare materiali e altri componenti", ha detto il capo della difesa in una riunione presso la Chkalov Aircraft Enterprise, con sede a Novosibirsk.

Il drone da attacco pesante Okhotnik che l'impianto aeronautico di Novosibirsk sta sviluppando è un grande progetto in questo campo. I contratti del ciclo di vita che coprono il tempo dalla creazione del drone alla sua dismissione stanno diventando sempre più importanti in questo lavoro, ha osservato il ministro della Difesa.

"È importante sottolineare che, insieme all'UAC [United Aircraft Corporation], abbiamo raggiunto il livello dell'82% per i contratti del ciclo di vita, che non ha mai avuto luogo prima ed è estremamente importante per le forze armate. Dobbiamo andare oltre in questa direzione", ha detto Shoigu.

Da diversi anni, il ministero della Difesa russo è impegnato nello sviluppo, nell'introduzione, nella padronanza e nel controllo di hardware intelligente che utilizza gli ultimi risultati dell'intelligenza artificiale, ha affermato il capo della difesa.

"Lo abbiamo dimostrato in Siria. È stato dimostrato in modo affidabile e sostanziale. Non è un caso che un folto gruppo di ingegneri e designer dell'UAC e della Sukhoi Company e, in particolare, della Novosibirsk Aircraft Enterprise, si trovi in ??Siria. I rappresentanti delle imprese della difesa e degli uffici di progettazione sono presenti per finalizzare, ispezionare e sviluppare nuovi sistemi e le loro nuove capacità', ha affermato Shoigu.

L'Okhotnik è uno dei più moderni moduli di combattimento controllati a distanza, sviluppato in Russia. Le sue armi principali sono stabilizzate su due piani, rendendo possibile colpire bersagli in movimento a oltre 1.000 metri. È dotato di una telecamera con raggio di identificazione fino a 5.000 metri, un dispositivo di visione termica con raggio di identificazione di 2.500 metri e un misuratore di distanza laser.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO