Russia: partito per la Serbia il primo Ilyushin Il-76 carico attrezzature e specialisti per la lotta contro il coronavirus

 

Il primo aereo Ilyushin Il-76 della Forza aerospaziale russa con attrezzature e specialisti è partito per la Serbia dall'aerodromo di Chkalovsky per aiutare il paese dei Balcani a combattere il nuovo coronavirus, secondo quanto riferito dal ministero della Difesa russo.

 

"L'aereo consegnerà un gruppo avanzato di medici militari, virologi ed epidemiologi con le moderne attrezzature per la diagnostica epidemiologica e le misure di disinfezione”, informa Mosca. 

 

Complessivamente, gli aerei da trasporto militari russi effettueranno 11 voli verso la Serbia per trasportare medici militari, virologi di truppe di protezione radiologica, chimica e biologica, attrezzature mediche speciali e anche equipaggiamento protettivo e 16 oggetti di equipaggiamento militare.

 

Assistenza alla Serbia e ad altri paesi

 

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha tenuto colloqui telefonici con il presidente russo Vladimir Putin il 2 aprile. L'ufficio stampa del Cremlino ha riferito dopo i colloqui che la Russia avrebbe fornito assistenza umanitaria alla Serbia e inviato medici e specialisti della disinfezione nel paese dei Balcani.

 

Il 1° aprile, un aereo da trasporto pesante Antonov An-124 della Russia Aerospace Force ha consegnato un lotto di equipaggiamento medico e equipaggiamento protettivo individuale all'aeroporto John F. Kennedy di New York dalla Russia. L'accordo sull'invio dell'aereo cargo con attrezzature mediche negli Stati Uniti è stato raggiunto durante un colloquio telefonico tra i presidenti russo e americano Vladimir Putin e Donald Trump lunedì.

 

In precedenza, il 21 marzo, il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro italiano Giuseppe Conte hanno concordato durante i loro colloqui telefonici che Mosca avrebbe fornito a Roma assistenza nella lotta contro il coronavirus.

 

Dalla sera del 22 marzo alla mattina del 25 marzo, 15 aerei russi sono arrivati ??in Italia, trasportando circa 100 virologi militari russi ed epidemiologi dell'esercito, otto squadre di medici e infermieri e anche attrezzature per misure diagnostiche e di disinfezione.

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti