Russia: Presidente Duma esorta a fare "senza indugio" i nomi dei responsabili del crollo dell'URSS

Russia: Presidente Duma esorta a fare "senza indugio" i nomi dei responsabili del crollo dell'URSS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La caduta dell’Unione Sovietica ha costituito un vero e proprio dramma. Sconvolgimento geopolitico di cui la Russia - e non solo la Russia - continua a pagarne le conseguenze. 

A tal proposito, il presidente della Duma di Stato della Federazione Russa, Vyacheslav Volodin, afferma che il crollo dell’Unione Sovietica deve essere adeguatamente valutato e i nomi dei responsabili devono essere fatti il prima possibile. 

"Sarebbe giusto farlo senza indugio", ha detto Volodin in una sessione plenaria della camera bassa del parlamento di Mosca. 

Come ha osservato il presidente della Duma di Stato - segnala il quotidiano Komsolskaya Pravda - dei trent'anni trascorsi dal crollo dell'URSS, la Russia ha perso dieci anni, i restanti venti è stata impegnata “nella fine dei conflitti". 

Inoltre, ha attirato l'attenzione sul fatto che i paesi hanno iniziato a rimborsare i prestiti ricevuti dall'Unione Sovietica solo nel 2004. 

Volodin già in precedenza aveva indicato che paesi come l’Ucraina, la Repubblica Ceca e gli Stati baltici dovrebbero scusarsi con la Russia. Secondo il presidente della Duma i paesi dell’ex campo socialista sono in obbligo con la Russia e essere grati per tutti gli investimenti fatti in passato nei loro paesi. 

Il quotidiano russo, infine, ricorda che l’Unione Sovietica cessò di esistere il 25 dicembre 1991, quando Gorbaciov annunciò le sue dimissioni. In precedenza, i leader di Russia, Bielorussia e Ucraina hanno firmato l'accordo Belovezhsky sulla dissoluzione dell'URSS e la creazione della CSI (Comunità degli Stati Indipendenti).

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia