Salario sociale globale. Ora che lo scrive anche Prodi che diranno i poveri mercantilisti italiani?

Salario sociale globale. Ora che lo scrive anche Prodi che diranno i poveri mercantilisti italiani?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Kartana


Su questo giornale scrivevo il 20 luglio come: "La Cina dal 2008 utilizza il salario sociale globale di classe come meccanismo di accumulazione, i paesi occidentali lo tagliano sempre più e puntano sulla carta finanziaria, sul capitale produttivo di interesse. Il primo bone le basi per lo sviluppo delle forze produttive, il secondo le distrugge, fino a farne un deserto produttivo abitato dalla miseria, come nelle metropoli americane. Gli Usa per stare al passo dovrebbero spendere migliaia di miliardi di dollari per rendere sanità e istruzioni universali, ma al momento il panorama politico non offre questo orizzonte, mentre in Ue si invocano continui tagli. La proprietà privata ha un gran peso in Cina, ma alcune reminescenze dello Stato sociale socialista vengono sempre più alla ribalta. Non si rinunciano ad esse, anche perché i cinesi sanno che sono la leva della crescita fuori dai ricatti di vari paesi che dominano il mercato mondiale."

Ebbene oggi è ufficiale. E' ufficiale, visto che tutta la classe dirigente italiana ascolta Prodi. In un editoriale per il Messagero, l'ex primo ministro italiano fornisce un dato che chi come noi si informa tramite l'AntiDiplomatico, Marx 21 e Contropiano conosce da tempo.



Romano Prodi scrive come l'apporto delle esportazioni sul PIl in Cina è passato dal 35% al 17,5% a causa dell'esplosione del mercato interno, da salari più alti e rivalutazione dello yuan. Scrivevo questo su Marx 21 nel 2015 e sull'AntiDiplomatico vi anticipavo le ripercussioni nel passaggio citato di luglio. 

La reflazione salariale e, aggiungiamo noi, il potenziamento del salario sociale globale di classe hanno contribuito in questi ultimi 12 anni, dalla crisi mondiale del 2008, a reindirizzare la possenza dell'economia cinese verso il mercato interno. Si tratta ora di trovare una soluzione all'enorme surplus commerciale che resta e riteniamo che alla fine la saggezza cinese troverà una soluzione.

Finalmente ci sono arrivati. E ora, cosa diranno i mercantilisti europei e italiani che basano tutto su export e bassi salari? Se la prenderanno finalmente la batosta?

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti