Sara Reginella dal Donbass: "Le nostre armi stanno uccidendo la popolazione civile"

Sara Reginella dal Donbass: "Le nostre armi stanno uccidendo la popolazione civile"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!





Torna in Donbass Sara Reginella, autrice di  "La guerra fantasma nel cuore d'Europa", per documentare la fase attuale di una guerra iniziata 8 anni fa. "Dopo parecchi anni ho trovato una situazione molto diversa, l'unica continuità è nella guerra che continua e che non è stata raccontata", racconta a l'AntiDiplomatico in questa preziosa testimonianza che ci ha concesso.

Donbass è una regione molto ampia e bisogna fare differenziazioni, sottolinea Reginella. "In Lugansk, al momento, la situazione è tranquilla. Il fronte si è spostato di 70 km: le persone vivono in tranquillità e si sente una immensa gratidutine all'esercito russo". Diversa è la situazione in Donetsk "dove siamo al centro di bombardamenti continui. Te li senti accanto. Le persone vivono nel terrore e nella rabbia. L'emozione più forte è quella, la rabbia, ma qui vive gente che non si piega. Sono arrabbiati perché le stanno massacrando. Ieri è stato colpito un ospedale e ogni giorno case e palazzi", prosegue Reginella. "E avviene tutto con le armi fornite dalla Nato, dall'Italia. Non vengono colpiti gli obiettivi militari, ma quelli civili. Io sono testimone di questa cosa". 

Sulle testimonianze raccolte Sara Reginella ci dice che alcuni preferiscono non parlare per la sofferenza emotiva e si bloccano davanti alle telecamere, altri forniscono resoconti su cui preferisce indagare prima di renderle pubbliche, ma su alcune cose tutti i racconti convergono a Mariupol: "il battaglione Azov, che ha occupato per 8 anni la città, è composto da nazisti".

"E' nazismo, senza se e senza ma. Possono continuare ad attaccarmi dicendo che deformo la realtà. Io parlo di qualcosa di cui sono sicura: è gravissimo che in Europa non sia stato dato l'allarme. A mariupol mi hanno raccontato cose atroci e la sensazione che si vive in città è di una nuova seconda guerra mondiale. I nazisti c'erano. E in Donbass ti dicono: era ora, perché a noi ci stavano ammazzando", continua Reginella nella sua testimonianza. "Ieri ho intervistato tre donne che avevano tra le macerie il quadro di Puskin, ho chiesto loro perché. Mi hanno detto: 'perchè siamo russe'".

"Vogliamo lavorare per la pace? Bene, dobbiamo dire la verità: le armi della Nato e dell'Italia vengono usate contro la popolazione civile. Non vogliamo lavorare per la pace? Faremo una brutta fine". E ancora:  "Noi in Italia stiamo dando dei soldi ad un governo frutto di un golpe violento ordito dall'occidente che non si è voluto vedere. In Donbass la popolazione ha reagito. E' iniziato uno scontro che dura da 8 anni. Quando mi dicono "si devono difendere", ma esattamente chi si sta difendendo?"

La conclusione della testimonianza di Sara Reginella è un colpo alla politica estera dei "migliori" che per seguire fino in fondo  la folle politica di espansione della NATO (Usa) ha fornito di armi il governo golpista di Kiev. "Io sono qui e posso testimoniare che le nostre armi vengono usate per uccidere la popolazione civile. Mi rivolgo alle persone che credono alla mia buona fede: per favore raccontate quello che sta accadendo: le nostre armi vengono usate contro la popolazione civile e in Ucraina c'è un gravissimo problema di nazismo che in Italia ci stiamo portando in casa, con le famigerate blacklist che servono a suscitare l'odio contro chi ha una visione diversa. Chi non mi credesse, venisse qui a Donetsk".


IL VIDEO DELL'INTERVISTA COMPLETA:



La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti